Società Incorporata – Cassazione Penale 17/03/2016 N° 11442

Società incorporata – Cassazione penale 17/03/2016 n° 11442 leggi la sentenza gratuitamente su leggesemplice.com

Cassazione penale

Consulta tutte le sentenze della cassazione penale

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine Pagina 1Pagina 2

Tipo: Cassazione penale

Sezione: Sezione VI

Data: 17/03/2016

Numero: 11442

Testo completo della Sentenza Società incorporata – Cassazione penale 17/03/2016 n° 11442:

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine  Pagina 1Pagina 2

sentenza

sul ricorso proposto da:

Saipem s.p.a.;

avverso la sentenza del 19/02/2015 della Corte di appello di Milano;

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;

udita la relazione svolta dal consigliere Dott. Calvanese Ersilia;

udito il Pubblico Ministero, in persona dell’Avvocato generale Dott. ROSSI Agnello, che ha concluso chiedendo il rigetto del ricorso;

uditi i difensori, avv. Giarda Angelo e avv. Albano Antonio, che hanno concluso chiedendo l’annullamento della sentenza impugnata.

Svolgimento del processo

1. La Corte di appello di Milano, con sentenza del 19 febbraio 2015, confermava la sentenza del Tribunale di Milano che aveva dichiarato la società per azioni Saipem responsabile dell’illecito amministrativo di cui al D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231, artt. 5, 6 e 7, art. 25, commi 3 e 4, in relazione alla commissione del reato di corruzione internazionale, di cui agli artt. 110, 321, 319 e 319-bis c.p. e art. 322-bis, comma 2, n. 2, nell’interesse e vantaggio della società per azioni Snamprogetti (incorporata nella Saipem), da parte di P.L. e C.A., persone in posizione apicale della Snamprogetti s.p.a. primo Presidente dal (OMISSIS), il secondo amministratore delegato dal (OMISSIS)) e da parte persone sottoposte, e segnatamente S.F. (responsabile divisione sviluppo internazionale dal primo marzo 2001 al 30 giugno 2003), F.A. (direttore unità business raffinazione e gas dal (OMISSIS) e direttore commerciale da (OMISSIS)) e L.M. (responsabile regionale della divisione promozione e sviluppo business dal (OMISSIS)), con l’aggravante di avere conseguito un profitto di rilevante entità (fatti commessi in (OMISSIS)).

Il Tribunale aveva applicato nei confronti della suddetta società la sanzione amministrativa pecuniaria di Euro 600.000, nonchè la confisca, per equivalente, dell’importo del profitto del reato, nella misura di Euro 24.530.580.

I reati contestati alle persone fisiche sopra indicate (tutti dichiarati estinti per prescrizione) erano consistiti nella promessa e poi nell’effettiva corresponsione da parte della joint venture, denominata TSKJ (acronimo delle società partecipanti: la francese Technip, la italiana Snamprogetti, la statunitense Kellogg e la nipponica Japan Gas Company), di compensi corruttivi per oltre centottantasette milioni di dollari in favore di pubblici ufficiali nigeriani posti al massimo livello (i Presidenti della Repubblica di Nigeria succedutisi nel tempo) e anche a livello minore, al fine di ottenere contratti (lotti, detti “treni”, da 1 a 6) del valore complessivo di circa 6 miliardi di dollari per la realizzazione di un impianto di liquefazione del gas naturale nell’area di (OMISSIS).

L’attività corruttiva aveva avuto inizio sin dal 1994, con l’avvio della joint venture, e si era protratta sino a tutto il 2004.

Sul piano contrattuale, le commesse risultavano effettivamente affidate alla TSKJ dalla compagnia nigeriana NLNG, controllata dalla compagnia nazionale petrolifera, la NNPC, e partecipata da società petrolifere multinazionali (Shell, Agip, Total).

I contratti per la TSKJ erano stati stipulati tramite tre società appositamente costituite in Madeira. Una delle tre società era stata deputata alla conclusione dei contratti-schermo di consulenza con società, che in realtà fungevano da intermediarie nel pagamento delle tangenti.

Queste ultime a loro volta avevano sede in Paesi esteri (in particolare, la Tristar di Gibilterra, era destinata a fare da mediatore per il pagamento delle tangenti per i livelli più alti, e la nipponica Marubeni per quelli più bassi).

2. Le sentenze di merito ricostruivano, anche rinviando alle prove acquisite, l’attività della suddetta joint venture sin dalla sua costituzione.

Il 1 giugno 1990 le società predette (tra le quali la italiana Snamprogetti s.p.a., rappresentata da B., direttore dell’unità business raffinazione e gas) firmavano il primo “joint venture bidding Agreement”, un accordo di collaborazione per la presentazione di un’offerta per l’aggiudicazione del contratto EPC (engineeering, procurement and construction) per la costruzione dell’impianto di liquefazione del gas naturale da realizzare a (OMISSIS) in Nigeria (a tal fine era stata costituita nel 1989 dalla Nigeria la NLNG). La joint venture, secondo l’accordo, doveva essere costituita “formalmente”.

Già dal 1991 le società in questione, in vista dell’aggiudicazione, avviavano con la società Marubeni contatti per “occuparsi” dell’ufficio del Presidente nigeriano (5 milioni di dollari) e dei livelli operativi di NLNG e NNPC (15 milioni di dollari).

Il 21 ottobre 1991 la joint venture riceveva da NLNG l’invito a presentare un’offerta.

Il 20 maggio 1992 la joint venture (sempre con la partecipazione della Snamprogetti s.p.a., nella persona di B.), con un ulteriore accordo (“Societè en partecipation”), precisava la sua struttura e venivano meglio regolati gli aspetti operativi. Veniva in particolare costituito un comitato direttivo, formato da rappresentanti di ogni società in posizione paritetica, le cui deliberazioni erano da adottarsi con voto unanime. La durata dell’accordo, prevista sino al 30 aprile 1993, verrà di seguito prorogata al 31 dicembre 1994.

Accanto ai comitati formali, venivano tenuti i “comitati culturali”: incontri informali non documentati, paralleli o successivi ai comitati direttivi, nei quali si parlava delle dazioni corruttive da pagare, a chi pagare e quanto (dagli appunti di Ch. della Kellogg, era risultato che nelle riunioni tra il 1993 al 1995 si parlava di fee da versare alla Marubeni ed a una società X per erogazioni a favore di soggetti riconducibili a rappresentanti del governo nigeriano e delle società NNPC e NLNG).

Ai comitati culturali partecipavano i profili commerciali delle società della joint venture: per la Snamprogetti s.p.a., B. e Ca. e dal 2001 L. e F..

Nel luglio 1993 la joint venture (per la Snamprogetti s.p.a., il Presidente Pi.) inviava una lettera alla Marubeni nella quale manifestava l’intenzione di affidarle servizi di consulenza pari a 70.000.00070.000.000 di dollari. Di seguito veniva tenuta a Milano sempre nel luglio 1993 una riunione presso la Snamprogetti s.p.a. (presenti, Ca. e Z.) nella quale erano discussi l’assetto organizzativo della joint venture (includere o meno la Marubeni, affidare i servizi di intermediazione anche ad una seconda società X, ancora da identificare) e la somma da attribuire all’intermediario.

Tale somma veniva poi fissata nell’ottobre 1993 dal comitato direttivo della joint venture (presente per la Snamprogetti s.p.a., Ca.) in 40.000.000 dollari per il “top level” e 30.000.00 per il “working level”.

Il 30 novembre 1993 si svolgeva un incontro a Tokio tra Ca. della Snamprogetti s.p.a. e la Marubeni, all’esito del quale quest’ultima avrebbe predisposto un nuovo programma di “attività culturali” (new menu of cultural activities), dopo aver capito meglio la situazione politica nigeriana per il progetto (OMISSIS) e l’organigramma di NNPC e NLNG (le “key positions”).

Il 2 dicembre 1993, durante un “cultural meeting” (presente Ca. per la Snamprogetti s.p.a.), era emerso che la Marubeni aveva suggerito di pagare gli “essential people”, quali A., allora Presidente della Nigeria, E. (da identificarsi in Don E., allora Ministro del Petrolio), Ba., membro del board di NNPC, e I., allora direttore del Ministero delle risorse petrolifere.

Nel marzo 1994 si teneva un incontro a Parigi di rappresentanti della joint venture (per la Snamprogetti s.p.a., Ca.), per discutere una relazione della Marubeni di aggiornamento e rivedere lo stato delle attività “culturali” anche in vista di “cultural arrangements” da decidere in futuro.

Nell’aprile 1994 emergeva la società Tristar (e il suo rappresentante T.) come società da affiancare alla Marubeni.

Sempre ad aprile 1994 vi era una riunione presso la Snamprogetti s.p.a., presenti rappresentanti della joint venture nel corso della quale la società italiana chiedeva la partecipazione al 25% dei soci nell’accordo, concordava la localizzazione in un paradiso fiscale delle società che dovevano essere costituite come emanazione della joint venture e riteneva preferibile che le attività da eseguirsi in Nigeria dovessero essere svolte da una società controllata della joint venture.

Il 2 novembre 1994 si teneva un incontro tra T. della Tristar e la joint venture per definire l’importo dei pagamenti e le modalità di impiego (40/50 milioni al “n. 1” e 20/15 milioni agli “altri”, tra i quali il presidente di NLNG).

Il 17 novembre 1994 nel “cultural meeting” (presente Ca. per la Snamprogetti s.p.a.) erano fissate le somme da corrispondere (60 a T. e 20 a Marubeni).

In tale contesto il 25 novembre 1994 veniva costituita la Snamprogetti Netherlands, società con sede ad Amsterdam, interamente posseduta dalla italiana Snamprogetti s.p.a., al fine (cfr. relazione della difesa) di partecipare alle “iniziative finalizzate alla realizzazione del progetto LNG in Nigeria”, acquisendo in pari data la partecipazione nel 25% del capitale di una delle società di Madeira costituite dalla joint venture. Tale società si occuperà in seguito delle partecipazioni di Snamprogetti s.p.a. all’estero.

Tra la fine del 1994 e l’inizio del 1995 venivano invero costituite le società di Madeira che dovevano operare a nome del gruppo della joint venture (TSKJ del settembre 1994; TSKJ II del novembre 1994, interamente posseduta dalla TSKJ; e LNG del febbraio 1995, partecipata al 25% da Snamprogetti Netherlands).

Il 30 novembre 1994 si realizzava l’incontro tra il Presidente della Nigeria A.S. con rappresentanti della joint venture.

Il 21 dicembre 1994 T. rassicurava i rappresentanti della joint venture sull’aggiudicazione del contratto.

Nel maggio 1995 veniva nuovamente emendato l’accordo della joint venture – con decorrenza tuttavia dal 31 luglio 1994 – (firmatario per la Snamprogetti s.p.a. è c., direttore generale della suddetta società) nel quale si prevedeva la stipula e la esecuzione del contratto con NLNg (che sarebbe stato poi firmato a dicembre 1995) e la costituzione delle società che avrebbero dovuto gestire il progetto. In tale accordo, la Snamprogetti s.p.a. aveva preteso di modificare le regole per l’approvazione delle decisioni riguardanti la società di Madeira LNG: in luogo della unanimità, prevista per le altre società, era stabilito che fosse sufficiente la maggioranza del 75% (in tal modo, la Snamprogetti poteva formalmente restare “fuori” dalle decisioni relative alla gestione dei rapporti con le intermediarie Tristar e Marubeni).

Nell’ottobre 1996 era nuovamente modificata la struttura della joint venture con la previsione di un comitato di azionisti (organo decisionale, di cui fanno parte c. e B. per la Snamprogetti) e era chiarito il ruolo delle tre società di Madeira: la LNG doveva essere quella deputata esclusivamente alla stipula dei contratti di intermediazione con la Tristar e la Marubeni.

Il 27 novembre 1995 il board della società LNG autorizzava la firma del primo contratto di consulenza con la società Marubeni ed il 15 dicembre 1995 veniva stipulato dalla società del gruppo il contratto per la realizzazione dei “treni” 1 e 2 del progetto (OMISSIS).

Il contratto di consulenza prevedeva la fornitura di generici servizi di assistenza a supporto della joint venture per un corrispettivo da versare in più tranches e dietro fatturazione.

Un ulteriore e analogo contratto di consulenza con la Marubeni per la implementazione dei treni 1 e 2 veniva poi stipulato il 9 aprile 1996.

Si susseguivano quindi gli incontri dei rappresentanti della joint venture con i Presidenti della Nigeria per l’aggiudicazione della nuova tranche del progetto (il treno 3) (in particolare, nel febbraio 1998 nell’incontro con Ab., era presente il vice presidente di Snamprogetti s.p.a. Fe.), contratto che veniva firmato da NLNG il 6 marzo 1999.

Nel medesimo periodo venivano stipulati dalla società del gruppo LNG i contratti di consulenza con le società Tristar (marzo 1999) e Marubeni (marzo 2000).

I rapporti della joint venture con i vertici della Nigeria nel frattempo si erano stabilizzati (dal 1999 e sino al 2007 era in carica il Presidente O.) nel senso che negli incontri “ad alto livello” era in discussione solo il quantum e non l’an degli accordi corruttivi.

Anche nei “cultural meetings” dopo i treni 1 e 2, le discussioni si erano limitate agli importi da pagare alle due società intermediarie.

Il 14 settembre 2001 T. della Tristar chiedeva a rappresentati della joint venture la formalizzazione di un contratto di consulenza per l’aggiudicazione dell’ulteriore progetto, con “l’opzione anche per il treno 6”.

Nel novembre 2001 rappresentanti della joint venture incontravano il Presidente O. per l’assegnazione delle tranches 4, 5 e 6 del progetto.

Nel marzo 2002 veniva stipulato il contratto per i treni 4 e 5, al quale si collegavano i contratti di consulenza affidati con le stesse modalità a Tristar (dicembre 2001) e a Marubeni (giugno 2002).

Per la tranches 6 del progetto veniva affidato a Tristar un contratto di consulenza nel giugno 2002.

Il contratto per il treno 6 veniva stipulato il 31 luglio 2004.

Per la conclusione di detto contratto si era spesa anche la Marubeni: nel maggio 2003 aveva assicurato che era intenzione della NLNG affidare alla joint venture anche tale tranche; nel settembre 2003 aveva riferito che il Presidente nigeriano non aveva “nessun problema” a concludere anche il treno 6 con le “stesse modalità” di quelli precedenti.

Nel corso del 2004, le autorità francesi avevano avviato le indagini sull’operato della società francese partecipante alla joint venture.

La LNG pertanto sospendeva i rapporti con Tristar e Marubeni, con lettere rispettivamente di aprile e dicembre 2004.

A fine dicembre 2004 tuttavia la Marubeni sollecitava il pagamento della fattura del 10 novembre 2004 per lavori effettuati: sia nel gennaio che nel luglio 2005 la Marubeni contestava la sospensione dei pagamenti e chiedeva il pagamento della fattura scaduta nel dicembre 2004.

Nell’ottobre 2005, la Marubeni richiedeva ancora alla LNG i pagamenti delle fatture dell’accordo del giugno 2002, nonchè la percentuale sul contratto n. 6, stabilita nella misura del 1-1,25% dalla joint venture (secondo l’intesa confermata nell’agosto 2004 da Pa. della Kellogg a nome della LNG).

In data 4 dicembre 2008 la Marubeni richiedeva alla LNG il pagamento delle tre fatture dell’accordo del giugno 2002 e di quella per il Treno 6 pari a 14.000.000 dollari.

3. Quanto alle vicende societarie riguardanti le due società Snamprogetti coinvolte nella vicenda, le sentenze di merito accertavano le seguenti circostanze di fatto.

La Snamprogetti s.p.a. era una società del Gruppo Eni: la partecipazione di Eni nella società era del 60% nel 1994 per divenire nel 2002 del 100%.

Sempre nel 1994, come si è già detto veniva costituita la Snamprogetti Netherlands, interamente posseduta dalla italiana Snamprogetti s.p.a..

Nel 2006 la partecipazione di Eni nella Snamprogetti s.p.a. veniva ceduta alla Saipem projects, partecipata al 100% da Saipem s.p.a.

Nel 2008 Saipem s.p.a., a sua volta partecipata da Eni, incorporava per fusione sia la Snamprogetti s.p.a. che la Saipem projects.

Secondo i Giudici di merito, l’inserimento nella gestione del progetto (OMISSIS) della Snamprogetti Netherlands, partecipata al 100% da Snamprogetti s.p.a., era meramente formale.

A riprova di tale assunto erano richiamate le dichiarazioni rese da Fe., vice Presidente della società Snamprogetti s.p.a.: costui neppure ricordava cosa facesse detta società, pur essendone stato il Presidente, mentre era perfettamente al corrente delle attività della joint venture.

Parimenti significative erano ritenute le dichiarazioni di Fa., secondo cui tutta l’attività di segreteria della Snamprogetti Netherlands (in particolare, le convocazioni), d’accordo con il Presidente Fe., era gestita nella stessa sede della Snamprogetti s.p.a. di San Donato.

La consulenza tecnica aveva offerto ulteriori elementi sulle effettive funzioni svolte nella joint venture dai soggetti riconducibili alla Snamprogetti s.p.a.: i soggetti rappresentanti il Gruppo Eni nelle società di Madeira della joint venture erano tutti riconducibili alla Snamprogetti s.p.a.

4. In sede di appello, la difesa di Saipem s.p.a. aveva sollevato varie questioni sia processuali sia di merito, tutte ritenute non fondate dalla Corte distrettuale e in ordine alle quali sono articolati i motivi di ricorso illustrati al 3.

5. Avverso la sentenza di appello, la Saipem s.p.a propone ricorso per cassazione, affidandosi ad undici motivi di annullamento, integrati da motivi aggiunti depositati in data 26 gennaio 2016.

La società ricorrente, sulla base della circostanza che i reati- presupposto dell’illecito addebitato alla Saipem s.p.a. sono stati commessi da soggetti facenti parte di altra e diversa società, incorporata dalla Saipem successivamente ai reati suddetti, enuclea nei primi tre motivi le seguenti questioni di legittimità costituzionale.

Con il primo motivo, come integrato dai motivi aggiunti, il ricorrente solleva la questione di legittimità costituzionale del D.Lgs. n. 231 del 2001, artt. da 28 a 33, per contrasto all’art. 76 Cost., e altresì denuncia la nullità dell’ordinanza emessa dal Tribunale di Milano e il vizio di motivazione della sentenza impugnata in ordine alla decisione di manifesta infondatezza della questione: le citate norme contenute nel decreto legislativo sulle conseguenze, in punto di responsabilità, delle c.d. “vicende modificative” dell’ente sarebbero del tutto innovative e non giustificate da alcuna previsione della L. Delega n. 300 del 2000; erronea e carente risulterebbe la motivazione delle suddette decisioni di merito, che hanno dichiarato manifestamente infondata la questione, eludendo inoltre i canoni che impongono alla Corte costituzionale di valutare la questione dell’eccesso di delega.

Con il secondo motivo, come integrato dai motivi aggiunti, il ricorrente solleva la questione di legittimità costituzionale del D.Lgs. n. 231 del 2001, art. 29, per contrasto con l’art. 27 Cost., comma 1, e art. 117 Cost., in relazione all’art. 7 Cedu, e altresì denuncia la nullità dell’ordinanza emessa dal Tribunale di Milano e il vizio di motivazione della sentenza impugnata in ordine alla decisione di manifesta infondatezza della questione: l’art. 29 cit., come interpretato dai giudici di merito, estenderebbe la responsabilità amministrativa, oltre che patrimoniale, al soggetto giuridico diverso che incorpora la società, così violando il principio di personalità della responsabilità penale, applicabile all’illecito in esame, secondo i criteri elaborati dalla Corte Edu in tema di sanzione penale (considerate le gravi sanzioni inflitte e l’autorità che le infligge).

Con il terzo motivo, il ricorrente solleva la questione di legittimità costituzionale del D.Lgs. n. 231 del 2001, art. 29, per contrasto con l’art. 3 Cost., e altresì denuncia la nullità dell’ordinanza emessa dal Tribunale di Milano e la mancanza di motivazione della sentenza impugnata in ordine alla questione: l’art. 29 cit., se interpretato come fonte di responsabilità amministrativa, risulterebbe in contrasto con l’art. 3 Cost., stante il diverso trattamento previsto in via generale dalla L. n. 681 del 1981, art. 7; la sentenza impugnata avrebbe omesso di pronunciarsi sulla questione, mentre illogica e contraddittoria risulterebbe la motivazione della ordinanza del Tribunale, in quanto la società incorporata continua ad esistere nel senso che all’ente subentrante si trasferiscono le posizioni attive e passive della prima, ma solo in termini di responsabilità civile-patrimoniale, al pari dell’erede.

Il ricorrente, con il quarto motivo, denuncia la nullità dell’ordinanza del 6 ottobre 2011 del Tribunale che ha respinto l’eccezione di inutilizzabilità di tutti gli atti di indagine preliminare per violazione dell’art. 415 cod. proc. pen., e altresì la violazione degli artt. 191, 414 e 415 cod. proc. pen.: gli atti di indagine acquisiti nel procedimento risulterebbero raccolti e confezionati in violazione degli artt. 414 e 415 cod. proc. pen., in quanto il P.M., dopo aver richiesto l’archiviazione per ragioni di merito di altro procedimento iscritto contro ignoti riguardante la medesima notizia di reato (archiviazione disposta in data 20 gennaio 2009), avrebbe aperto il 3 novembre 2008 il presente procedimento, inserendovi tutti gli atti del procedimento archiviato, senza alcun formale provvedimento di riapertura.

Con il quinto motivo, il ricorrente si duole della violazione dell’art. 9 c.p., comma 2, del D.Lgs. n. 231 del 2001, artt. 4 e 37 e dei vizi della motivazione in ordine alla ritenuta commissione nello Stato del fatto-reato presupposto: come anche si evince dal capo di imputazione, tutte le condotte-reato imputate alle persone fisiche risulterebbero integralmente commesse all’estero (la Joint Venture è stata costituita all’estero, le società operative avevano sede all’estero, l’aggiudicazione dei contratti era avvenuta in Nigeria, i consigli di amministrazione della società in cui faceva parte la Snamprogetti Netherlands, si erano svolti all’estero, nessun pagamento in uscita o in entrata riguardante le operazioni contestate è transitato dall’Italia, nessun accordo corruttivo è avvenuto in Italia) con conseguente applicabilità delle condizioni di procedibilità previste dall’art. 9 c.p., comma 2, e pertanto anche della necessaria richiesta del Ministro della Giustizia, nel caso in esame mancante. L’improcedibilità dei suddetti reati darebbe luogo, secondo quanto disposto dall’art. 37 cit. all’improcedibilità dell’accertamento dell’illecito amministrativo dell’ente; la sentenza impugnata, oltre a confondere il difetto di giurisdizione con la tematica della procedibilità del reato, ha illogicamente tratto la prova della commissione in Italia del reato dalla mera consapevolezza della società con sede in Italia in ordine a ipotetiche strategie corruttive.

Con il sesto motivo, il ricorrente deduce la violazione del divieto del bis in idem e delle convenzioni internazionali, per inosservanza ed erronea applicazione del D.Lgs. n. 231 del 2001, art. 4, la inosservanza del D.Lgs. n. 231 del 2001, art. 34 e dell’art. 649 cod. proc. pen., nonchè la motivazione apparente e contraddittoria: per i medesimi fatti per la Snamprogetti Netherlands il processo si è già concluso in Nigeria, come documentato in atti (l’accordo concluso tra tale società e le autorità giudiziarie nigeriane per la definizione del processo riguardava tutte le società ad essa collegate, controllanti o controllate), così come negli Stati Uniti d’America (“deferred prosecution agreement”), con conseguente applicabilità degli artt. 4 e 34 cit., articolo quest’ultimo che richiama tutte le disposizioni del codice di rito penale e quindi anche l’art. 649 cod. proc. pen., come tra l’altro discende anche dall’art. 35 dello stesso D.Lgs.; risulterebbe altresì violato anche l’art. 4 della Convenzione Ocse sulla corruzione e gli artt. 41 e segg. della Convenzione ONU contro la corruzione in tema di litispendenza internazionale; la sentenza impugnata avrebbe inoltre travisato il contenuto dell’Accordo stipulato con le autorità statunitensi, che avrebbe ad oggetto invece la rinuncia alla prosecuzione dell’azione penale e non riguarderebbe Saipem, che avrebbe solo veste di garante.

Con il settimo motivo, come integrato dai motivi aggiunti, il ricorrente denuncia la erronea identificazione del soggetto giuridico cui imputare l’illecito amministrativo, con violazione di legge e vizi della motivazione: la sentenza impugnata avrebbe confuso, senza alcun approfondimento motivazionale, il ruolo e la funzione della Snamprogetti s.p.a. con quelli della Snamprogetti Netherlands, essendo la prima solo detentrice della partecipazione azionaria della seconda e non potendo pertanto essere ad essa riconducibili i dirigenti di quest’ultima; solo la Snamprogetti Netherlands risulterebbe coinvolta nel progetto (OMISSIS) (gestito dalla joint venture TSKJ, formata al 25% anche da Snamprogetti Netherlands); la Snamprogetti Netherlands aveva autonomia funzionale, strutturale e finanziaria; la Snamprogetti Netherlands si gestiva con l’utilizzazione dei suoi dividendi, mentre la attribuzione di dividendi alla Snamprogetti s.p.a. veniva effettuata solo sui fondi di riserva, che non sarebbe quindi possibile individuare come provenienti dall’operazione (OMISSIS); risulterebbe pertanto erroneo ritenere responsabile Saipem, quale incorporante la Snamprogetti, anche per le vicende di Snamprogetti Netherlands, che non risulterebbe incorporata nella s.p.a. italiana; in ogni caso i dirigenti di Snamprogetti che operavano per la Snamprogetti Netherlands erano distaccati, con funzioni autonome.

Con l’ottavo motivo, il ricorrente deduce vizi di violazione di legge e di motivazione in relazione alla ritenuta sussistenza del reato presupposto: la sentenza impugnata avrebbe utilizzato come prova documenti e dichiarazioni testimoniali relativi a fatti accaduti prima dell’entrata in vigore del D.Lgs. n. 231 del 2001, in violazione dell’art. 2 cod. pen., e comunque anche travisati quanto al contenuto probatorio; la stessa risulterebbe contraddittoria là dove individua il momento consumativo del reato di corruzione antecedente nel momento in cui è stato raggiunto l’accordo corruttivo per poi, ai fini della prescrizione, far slittare tale data al momento in cui è rimasto in vigore l’accordo stesso, così disapplicando i principi affermati dalle Sezioni Unite in tema di momento consumativo del reato di corruzione e comunque violando anche l’art. 322-bis cod. pen., che nella versione vigente all’epoca dei fatti, non contemplava per i funzionari di Stati extracomunitari la punibilità della corruzione nella forma susseguente; la sentenza impugnata su tale ultima questione avrebbe omesso di motivare; del tutto carente risulterebbe inoltre la motivazione in ordine alla qualifica pubblicistica dei soggetti nigeriani (di cui quelli di più basso livello neppure identificati) coinvolti nelle condotte corruttive, avendo la sentenza impugnata omesso ogni doveroso accertamento sul punto; apparente e illogica risulterebbe la motivazione anche in ordine alla competenza funzionale dei soggetti pubblici ritenuti corrotti (le commesse, oggetto della condotta corruttiva, risulterebbero essere state assegnate da soggetti apicali di una società nigeriana a capitale misto pubblico, in ordine ai quali nessun accertamento risulterebbe essere effettuato in ordine alla veste pubblica dagli stessi rivestita, e comunque anche laddove si considerassero corrotti cariche pubbliche, quali il Presidente della Repubblica della Nigeria, andava accertata la loro competenza funzionale rispetto all’atto “contrario”.

Con il nono motivo, il ricorrente si duole dei vizi della motivazione in ordine al momento consumativo del reato presupposto, dell’erronea applicazione dell’art. 192 c.p.p., comma 3, e del D.Lgs. n. 231 del 2001, art. 22 e della prescrizione dell’illecito amministrativo: la sentenza impugnata risulterebbe motivata in modo contraddittorio in ordine al momento consumativo del reato di corruzione come già rappresentato nel motivo che precede; quanto al “treno 6” la prova delle dazioni corruttive risulterebbe basata su affermazioni apodittiche; erroneamente risulterebbe individuata come momento finale della consumazione del reato il primo dicembre 2004, posto che dalla documentazione in atti i pagamenti e i rapporti per i “treni” 4 e 5 risulterebbero cessati alla data del 15 giugno 2004; conseguentemente l’illecito amministrativo risulterebbe estinto.

Con il decimo motivo, il ricorrente deduce vizi di motivazione e violazione di legge in ordine alla ritenuta inidoneità del modello organizzativo di cui al D.Lgs. n. 231 del 2001: la sentenza impugnata, pur dando atto che la Snamprogetti s.p.a. aveva adottato il modello organizzativo alla data del giugno 2004, avrebbe addebitato alla società di aver adottato al momento dei fatti “modelli totalmente inefficaci” e comunque ne avrebbe affermato la inefficacia in modo tautologico, desumendola esclusivamente dalla sussistenza del reato e non motivando sulle argomentazioni difensive.

Con l’undicesimo motivo, il ricorrente deduce violazione di legge e vizi di motivazione in ordine alla confisca: la sentenza impugnata avrebbe omesso di pronunciarsi sulla revoca della confisca richiesta con l’appello e comunque la confisca non sarebbe consentita in presenza della prescrizione dell’illecito amministrativo.

Motivi della decisione

1. Il ricorso è infondato per le ragioni di seguito illustrate.

2. Il primo motivo di ricorso non può essere accolto.

2.1. La responsabilità amministrativa degli enti in relazione alla commissione di fatti costituenti reato è stata introdotta nell’ordinamento italiano, con la L. n. 300 del 2000, a seguito della ratifica di alcune convenzioni internazionali, sottoscritte dall’Italia, contenenti l’espresso obbligo degli Stati aderenti di introdurre sul piano interno, in relazione a determinati reati, la responsabilità delle persone giuridiche.

Le suddette Convenzioni (segnatamente, la Convenzione OCSE sulla lotta alla corruzione di pubblici ufficiali stranieri nelle operazioni economiche internazionali e la Convenzione U.E. relativa alla lotta contro la corruzione nella quale sono coinvolti funzionari delle Comunità Europee o degli Stati membri dell’Unione Europea), secondo un trend che troverà costante applicazione in successive convenzioni internazionali dedicate a forme di criminalità che potevano essere connesse alle attività di impresa, imponevano infatti agli Stati Parte specifici obblighi di adattamento della normativa nazionale, nella prospettiva di rendere omogenee e quindi maggiormente effettive le risposte sanzionatorie offerte dalla comunità internazionale.

Le convenzioni ora citate, nel prevedere un certo margine di discrezionalità del legislatore nazionale nella scelta del modello sanzionatorio da adottare in relazione ai reati da esse previste (nell’ambito dell’Unione Europea l’opera di riavvicinamento delle normative penali deve pur sempre rispettare le differenze delle tradizioni giuridiche e degli ordinamenti giuridici degli Stati membri), stabilivano tuttavia le direttrici ineludibili entro le quali dare esecuzione agli obblighi assunti sul piano internazionale:

prevedere sanzioni “efficaci, proporzionate e dissuasive”.

Una volta che la comunità internazionale aveva imposto l’introduzione di fattispecie penali uniformi, la risposta repressiva degli Stati doveva pertanto garantire l’effettività della tutela del bene giuridico leso: l’efficacia, la proporzionalità e il carattere dissuasivo della sanzione (ancorchè non penale) dovevano essere i requisiti fondamentali affinchè la normativa pattizia in questione venisse applicata appieno.

Dall’effettività della risposta sanzionatoria discende come ovvio corollario che il sistema punitivo deve essere in grado di contrastare le possibili elusioni nell’applicazione della normativa repressiva e conseguentemente del relativo regime sanzionatorio (cfr.

sulla nozione di sanzioni “effettive, proporzionate e dissuasive”, Corte di Giustizia U.E., Grande Sezione., sent. 8 settembre 2015, C- 105/14: se il regime che disciplina l’estinzione dei reati per prescrizione nel determina l’impunità, si deve constatare che le misure previste dal diritto nazionale non possono essere considerate effettive e dissuasive).

Tale elusione nella materia della responsabilità delle persone giuridiche appare ancor più evidente là dove siano ritenuti sufficienti una mera riorganizzazione o la modifica della denominazione sociale per ostacolare la repressione di un illecito.

Proprio in relazione all’ipotesi della fusione di società, la Corte di Giustizia dell’U.E. ha più volte richiamato il principio di “effettività” del sistema sanzionatorio per affermare che la normativa interna degli Stati deve assicurare l’imposizione di sanzioni nei confronti dell’ente che abbia incorporato quello che ha commesso l’infrazione, potendo altrimenti le imprese sfuggire alle sanzioni per il semplice fatto che la loro identità è stata modificata a seguito di ristrutturazioni, cessioni o altre modifiche di natura giuridica o organizzativa.

Basti ricordare, tra le tante, le pronunce della Corte di Giustizia in relazione alla normativa in tema di tutela della concorrenza. In particolare, tra le ultime, nella sentenza, 11 dicembre 2007, C- 280/06, relativa alla normativa italiana contenuta nella legge 10 ottobre 1990, n. 287, la Grande Sezione della Corte ha affermato (sulla base di una giurisprudenza consolidata, sent. 28 marzo 1984, cause riunite 29/83 e 30/83, Compagnie royale asturienne des mines e Rheinzink/Commissione; sent. 7 gennaio 2004, cause riunite C-204/00 P e altre, Aalborg Portland e a./Commissione) che qualora un ente violi le regole della concorrenza incombe ad esso, secondo il principio della responsabilità personale, di rispondere di tale infrazione; tuttavia, qualora tale ente sia oggetto di una modifica di natura giuridica o organizzativa, “tale modifica non ha necessariamente l’effetto di creare una nuova impresa esente dalla responsabilità per i comportamenti anticoncorrenziali del precedente ente se, sotto l’aspetto economico, vi è identità fra i due enti”.

Solo in tal modo – ha aggiunto la Corte di giustizia – le misure adottate a livello nazionale svolgono la funzione di “dissuadere” gli operatori economici dal tenere comportamenti anticoncorrenziali: “se nessun’altra possibilità di imposizione della sanzione ad un ente diverso da quello che ha commesso l’infrazione fosse prevista, alcune imprese potrebbero sfuggire alle sanzioni per il semplice fatto che la loro identità è stata modificata a seguito di ristrutturazioni, cessioni o altre modifiche di natura giuridica o organizzativa. Lo scopo di reprimere comportamenti contrari alle regole della concorrenza e di prevenirne la ripetizione mediante sanzioni dissuasive sarebbe pertanto compromesso”.

Conclusivamente, la Corte di Giustizia ha evidenziato i rischi di un’applicazione eccessivamente “formalistica” del principio della responsabilità personale nei confronti delle persone giuridiche: la ratio e la finalità delle sanzioni verrebbero eluse ed i gestori di imprese sarebbero incentivati a sottrarsi alla loro responsabilità mediante modifiche organizzative “mirate”.

L’orientamento assunto dalla Corte di Giustizia è significativo, tenuto conto anche della natura “penale” delle sanzioni previste dalla L. 10 ottobre 1990, n. 287, secondo la Corte Europea dei diritti dell’uomo (Corte EDU, sent. 7/09/2011, Menarini Diagnostics s.r.l. contro Italia).

A medesime conclusioni è pervenuta la stessa Corte più in generale in materia di responsabilità amministrativa (Sez. 5, sent. 5 marzo 2015, C343/13). La Corte di Giustizia – relativamente ad un caso di fusione con incorporazione della società responsabile di illeciti amministrativi – ha osservato che il trasferimento della responsabilità amministrativa alla società incorporante discende dalla normativa contenuta nella direttiva comunitaria 78/855 relativa alle fusioni delle società per azioni, alla quale i sistemi nazionali devono uniformarsi: in assenza di detto trasferimento – ha sottolineato la Corte – l’interesse dello Stato alla repressione non sarebbe protetto e la fusione costituirebbe il mezzo, per una società, di eludere le conseguenze delle infrazioni eventualmente commesse a danno dello Stato membro interessato.

La Corte di Giustizia si è premurata di sottolineare che la suddetta interpretazione non si pone in contrasto con gli interessi dei creditori e degli azionisti della società incorporante, in quanto questi ultimi, prima della fusione, hanno la possibilità di ottenere adeguate garanzie.

Quindi l’imputazione della responsabilità all’ente risultante dalla fusione per incorporazione discende ineludibilmente non solo dall’esigenza della effettività della risposta sanzionatoria pattiziamente imposta in tema di lotta alla criminalità d’impresa, ma anche dai principi comunitari in tema di riorganizzazione degli enti (direttiva 78/855).

La L. n. 300 del 2000, nel dare esecuzione in Italia alle richiamate Convenzioni, ha ritenuto di far fronte agli obblighi di adattamento dalle stesse discendenti con il ricorso alla delegazione, indicando espressamente tra i principi e i criteri direttivi quello di “prevedere sanzioni amministrative effettive, proporzionate e dissuasive” a carico delle persone giuridiche responsabili, in tal modo rafforzando l’attuazione degli obblighi pattizi.

Pertanto, con l’introduzione della normativa riguardante le “vicende modificative dell’ente” ed in particolare della previsione, secondo cui “nel caso di fusione, anche per incorporazione, l’ente che ne risulta risponde dei reati dei quali erano responsabili gli enti partecipanti alla fusione” (art. 29), il legislatore delegato ha inteso applicare i principi e i criteri direttivi derivanti dalla legge di delega.

Sono noti gli arresti del Giudice delle leggi in tema di vincoli derivanti dall’art. 76 Cost., per l’esercizio della funzione legislativa da parte del Governo.

Non è infatti rilevante che la previsione introdotta dal Governo non trovi traccia nella previsione della legge-delega, in quanto la stessa può trovare giustificazione nel naturale rapporto di “riempimento” che lega la norma delegata a quella delegante, dovendosi altrimenti ritenere che le funzioni del legislatore delegato siano limitate ad una mera “scansione linguistica” delle previsioni dettate dal delegante, con evidente snaturamento del ben diverso regime che la Costituzione ha inteso prefigurare (Corte cost. sent. n. 4 del 1992; e, tra le tante pronunce, più di recente, sent. n. 229 del 2014).

La Corte costituzionale ha invero ripetutamente affermato che la determinazione dei principi e criteri direttivi, a mente dell’art. 76 Cost., se vale a circoscrivere il campo della delega, sì da evitare che essa venga esercitata in modo divergente dalle finalità che l’hanno determinata, “non osta all’emanazione di norme che rappresentino un coerente sviluppo e, se del caso, anche un completamento delle scelte espresse dal legislatore”, essendo consentito legislatore delegato di “valutare le situazioni giuridiche da regolamentare e di effettuare le conseguenti scelte, nella fisiologica attività di riempimento che lega i due livelli normativi” (Corte cost., sent. n. 199 del 2003, n. 308 del 2002, e n. 213 del 2005).

La delega legislativa quindi “non fa venir meno ogni discrezionalità del legislatore delegato, che risulta più o meno ampia a seconda del grado di specificità dei principi e criteri direttivi fissati nella legge delega” (ordinanza n. 490 del 2000); sicchè, “per valutare di volta in volta se il legislatore delegato abbia ecceduto tali – più o meno ampi – margini di discrezionalità, occorre individuare la ratio della delega, per verificare se la norma delegata sia ad essa rispondente” (Corte cost. sent. n. 163 del 2000 e n. 199 del 2003).

Sulla base di queste premesse, la Corte costituzionale ha costantemente affermato che il giudizio di conformità della norma delegata alla norma delegante è esplicato “attraverso il confronto tra gli esiti di due processi ermeneutici paralleli, tenendo conto delle finalità che, attraverso i principi ed i criteri enunciati, la legge delega si prefigge con il complessivo contesto delle norme da essa poste e tenendo altresì conto che le norme delegate vanno interpretate nel significato compatibile con quei principi e criteri” (Corte cost. sent. n. 425 del 2000, n. 15 del 1999, e n. 213 del 2005).

I principi posti dal legislatore delegante costituiscono quindi, non soltanto base e limite delle norme delegate, ma anche strumenti per l’interpretazione della loro portata; e tali disposizioni devono essere lette, finchè sia possibile, nel significato compatibile con tali principi, i quali a loro volta vanno interpretati alla luce della ratio della legge delega, per verificare se la norma delegata sia con questa coerente (ex plurimis, Corte cost. sent. n. 237 del 2013, n. 119 del 2013, n. 272 del 2012 e n. 98 del 2008).

Lette in questa chiave esegetica, le disposizioni introdotte dal legislatore delegato in ordine alle vicende modificative dell’ente non si pongono in contrasto con il menzionato parametro costituzionale, trattandosi di scelte del tutto coerenti con gli indirizzi generali della delega e compatibili con la ratio di questa.

Una diversa opzione (conferire effetto estintivo alla trasformazione dell’ente dovuto a libere iniziative dei diretti interessati) avrebbe determinato una evidente inadeguatezza delle sanzioni comminate a rendere “effettiva” l’osservanza degli obblighi derivanti dalle normativa pattizia.

Nella relazione ministeriale al D.Lgs. n. 231 del 2001, si è esplicitata invero la ratio della disciplina delle vicende modificative con l’esigenza di “evitare che tali operazioni si risolvano in agevoli modalità di elusione della responsabilità”, in perfetta coerenza quindi con i criteri ed i principi direttivi della legge di delega.

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine  Pagina 1Pagina 2