Sicurezza Pubblica – Cassazione Penale 4/10/2016 N° 41501

Sicurezza pubblica – Cassazione penale 4/10/2016 n° 41501 leggi la sentenza gratuitamente su leggesemplice.com

Cassazione penale

Consulta tutte le sentenze della cassazione penale

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine

Tipo: Cassazione penale

Sezione: Sezione III

Data: 4/10/2016

Numero: 41501

Testo completo della Sentenza Sicurezza pubblica – Cassazione penale 4/10/2016 n° 41501:

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine 

SENTENZA sul ricorso proposto da Orchide Matteo nato a Livorno il 19/08/1995 avverso la ordinanza del 12/09/2015 del Gip del Tribunale di Livorno visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso; udita la relazione svolta dal consigliere Enrico Manzon; letta la requisitoria del PG che chiede dichiararsi inammissibile il ricorso. RITENUTO IN FATTO 1.Con ordinanza in data 12 settembre 2015 il Gip del Tribunale di Livorno convalidava il provvedimento del Questore di Livorno in data 8 settembre 2015 emesso ex art. 6, L. 401/1989, nella parte in cui si disponeva l’obbligo di presentazione alla P.S. 2. Contro il provvedimento, tramite il difensore fiduciario, ha proposto ricorso per cassazione l’Orchide deducendo un unico motivo. 2.1 Lamenta il ricorrente violazione di legge in ordine alla applicazione della misura fuori delle previsioni di cui alla fonte normativa evocata, non trattandosi di vicenda inerente una manifestazione sportiva, bensì politica. 3. Il PG ha depositato requisitoria con la quale chiede dichiararsi inammissibile il ricorso, in quanto manifestamente infondato il motivo dedotto. CONSIDERATO IN DIRITTO 1.11 ricorso è infondato. 2. Con il motivo dedotto il ricorrente lamenta che il provvedimento impugnato sia viziato da violazione di legge, poiché sostiene che nei suoi confronti sia stata erroneamente applicata la misura del DASPO e quella correlata dell’obbligo di presentazione alli Autorità di PS al di fuori delle ipotesi di cui all’art. 6, comma 1, L. 401/1989. In particolare afferma che tale disposizione possa essere utilizzata soltanto per i comportamenti posti in essere nell’ambito delle manifestazioni sportive e non di quelle politiche, quali quella in cui si sono verificati i fatti che gli vengono ascritti. La censura è infondata. Anzitutto vi è da osservare che non vi è alcun argomento letterale che induca all’interpretazione della norma de qua patrocinata dalla difesa dell’Orchide. La disposizione infatti, come interpolata nel 2001 (d.l. n. 336 convertito con modificazioni in L. n. 377 e da ultimo nel 2014 con il d.l. n. 119 convertito con modificazioni in L. n. 146), prevede che il DASPO possa essere applicato anche nei confronti di chi “.. risulta aver tenuto .. una condotta, sia singola che di gruppo, evidentemente finalizzata alla partecipazione attiva ad episodi di violenza, di minaccia o di intimidazione, tali da porre in pericolo la sicurezza pubblica o creare turbative per l’ordine pubblico nelle medesime circostanze di cui al primo periodo”. Orbene, essendo pacifici i fatti ascritti al ricorrente ossia che egli abbia minacciato, provocato lesioni personali e portato un oggetto atto ad offendere senza giustificato motivo nell’occasione ed a causa di una manifestazione di natura politica in Livorno il 14 luglio 2015, come correttamente rilevato dal Gip del Tribunale di Livorno, integrando la terza di tali condotte il reato di cui all’art. 4, L. 110/1975, per il quale l’Orchide è stato denunciato e sottoposto ad indagini preliminari, deve perciò ritenersi concretizzata una delle ipotesi previste dall’art. 6, comma 1, L. 401/1989 al fine dell’emissione del DASPO e della misura accessoria rafforzativa di cui al comma 2 della disposizione stessa. Il ricorrente peraltro evoca il criterio della “volontà del legislatore”, citando le dichiarazioni fatte in sede di conversione di detto decreto legge dal relatore, che indurrebbero ad un’ interpretazione restrittiva delle nuove disposizioni, limitandone la sfera applicativa alle sole manifestazioni di tipo sportivo. A parte che dai resoconti parlamentari richiamati testualmente nel ricorso ciò non sembra proprio essere stato espressamente detto da chi è intervenuto neW iter legislativo, comunque il testo della legge non è questo, posto che viene usata la disgiunzione “ovvero” e quindi ciò univocamente significa che si tratta di previsioni normative tra loro alternative. In altri termini si deve affermare che, stando alla lettera dell’enunciato, le misure de quibus possono essere alternativamente applicate sia nei casi di cui 2 alla prima parte della disposizione (.. persone denunciate o condannate .. per uno dei reati di cui ..) sia (.. ovvero) nel caso di cui alla seconda parte (.. per aver preso parte attiva ad episodi di violenza su persone o cose in occasione o a causa di manifestazioni sportive ..). D’altro canto configurare in questi termini la sfera applicativa della disposizione legislativa ha una logica stringente che la fa rientrare pienamente nella ratio della scelta del legislatore. E’ infatti evidente che con la novella del 2001 si è inteso estendere la portata della disposizione medesima estendendone ex novo l’efficacia a tutte le persone potenzialmente pericolose per l’ordinario e pacifico svolgimento delle manifestazioni sportive. Quindi non più soltanto a coloro che tale pericolosità hanno manifestato direttamente in occasione delle stesse, ma anche a coloro i quali tale pericolosità hanno evidenziato aliunde, per essere stati denunciati/condannati per determinati reati specificamente indicati ed appunto scelti quali indici precisi della pericolosità stessa (cfr. in senso analogo, ancorchè su fattispecie concreta diversa, Sez. 3 n. 27284 del 2010). Sicché l’inserimento del reato di cui all’art. 6 bis, stessa legge n. 401/1989 nel “catalogo” di questi “indici di pericolosità” non fa che rafforzare l’interpretazione che si afferma e comunque, al contrario di quanto deduce il ricorrente, non la smentisce affatto, essendo peraltro evidente il più stretto collegamento tra le condotte sanzionate da questa norma incriminatrice con gli eventi sportivi. In ogni caso non si ravvede alcuna controindicazione costituzionale all’orientamento ermeneutico espresso dal Gip del Tribunale di Livorno e che questa Corte condivide, particolarmente rispetto ai principi di uguaglianza/ragionevolezza, trattandosi di una scelta discrezionale che ben può essere fatta dal legislatore, onde rafforzare la tutela pubblica di fenomeni sociali, quali quelli sportivi, di amplissima fruizione da parte della collettività nazionale e per questa ragione evidentemente considerati dal legislatore stesso di preminente interesse pubblico. 3. Il ricorso va dunque rigettato ed il ricorrente condannato al pagamento delle spese processuali. Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del procedimento. Così deciso il 28/06/2016

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine