Reato Di Appropriazione Indebita – Cassazione Penale 29/11/2016 N° 50733

Reato di appropriazione indebita – Cassazione penale 29/11/2016 n° 50733 leggi la sentenza gratuitamente su leggesemplice.com

Cassazione penale

Consulta tutte le sentenze della cassazione penale

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine

Tipo: Cassazione penale

Sezione: Sezione II

Data: 29/11/2016

Numero: 50733

Testo completo della Sentenza Reato di appropriazione indebita – Cassazione penale 29/11/2016 n° 50733:

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine 

SENTENZA sul ricorso proposto da: VITALE FRANCESCO N. IL 18/06/1950 avverso l’ordinanza n. 66/2016 TRIB. LIBERTA’ di CATANZARO, del 11/05/2016 sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. SANDRA RECCHIONE; lette/sentite le conclusioni del PG Dott. , Udit i difensor Avv.; RITENUTO IN FATTO 1.11 Tribunale di Catanzaro, sezione per il riesame delle misure coercitive confermava il decreto di sequestro preventivo emesso dal giudice per le indagini preliminari nei confronti del Vitale, indagato per il reato di appropriazione indebita di due autocarri, dei quali aveva la disponibilità sulla base di un contratto di leasing. 2. Avverso tale proponeva ricorso per cassazione il difensore dell’indagato che deduceva: 2.1. vizio di legge in relazione alla tempestività della querela. Si deduceva che il 31 ottobre 2013 era stato e notificato un decreto ingiuntivo per la riconsegna dei veicoli” e che il r aprile 2014 era stata inviata una diffida per la “restituzione dei mezzi”: tali atti secondo il ricorrente impedivano di assegnare rilevanza ai fini della individuazione del dies a quo per la presentazione della querela alla diffida inviata solo nel luglio del 2015. Si deduceva inoltre che non era stato considerato che dalle visure del PRA emergeva la “perdita di possesso” fin dal 9 ottobre 2012; 2.2. vizio di legge: la titolarità del diritto di querela sarebbe spettato solo alla società proprietaria iscritta al PRA e non al nuovo acquirente, ovvero la “Blue service srl”, che non risultava dai registri, dato che non era stata effettuata la trascrizione; 2.3. vizio di legge in relazione al riconoscimento delle esigenze cautelari che sarebbero inesistenti in quanto in quanto i veicoli sarebbero “sostanzialmente radiati” dalli ottobre 2012. CONSIDERATO IN DIRITTO 1.11 ricorso è manifestamente infondato. Il reato di appropriazione indebita di un bene in “leasing” è integrato dalla mera interversione del possesso, che si manifesta quando l’autore si comporta “uti dominus” non restituendolo senza giustificazione, così da evidenziare in maniera incontrovertibile anche l’elemento soggettivo del reato, e non da quando il contratto deve intendersi risolto a causa dell’inadempimento nel pagamento dei canoni (Cass. sez 2, n. 25288 deI31/05/2016 Ud. (dep. 17/06/2016 ) Rv. (m.c. 267114). Invero, si ribadisce(tà volontà di intervertire il possesso è diversa da quella di non volere adempiere al contratto di leasing, sicchè le vicende civilistiche conseguenti all’inadempimento dei canoni, con conseguenti diffide all’adempimento ed alla restituzione dei beni locati possono non avere rilevanza ai fini della conoscenza da parte dell’offeso della volontà appropriativa che si manifesta, come nel caso di specie, quando emerge con chiarezza la volontà appropriativa, ovvero non solo la volontà di non adempiere al contratto, ma quella di comportarsi uti dominus nei confronti del bene detenuto. Nel caso di specie tale volontà è emersa con chiarezza come distinta dalla volontà di non adempiere solo nel 2015, come risulta dalla insindacabile valutazione di merito effettuata dal giudice della cautela. Né su tale valutazione incide la documentazione allegata dal ricorrente relativa al fatto che nel 2012 il Procuratore della Mercedes Benz dichiarava di non avere la disponibilità del bene coerentemente con la cessione dello stesso in leasing all’indagato. 1.2. Con specifico riguardo al motivo che valorizza ai fini della individuazione del •2.(Lok, tqT k oìo 01: C WAktQ dies a quo — per la presentazione della truereta— quanto emergeva dal PRA, il collegio ribadisce che il trasferimento della proprietà su autoveicoli e motoveicoli (appartenenti alla categoria dei beni mobili registrati) si realizza con l’incontro del consenso e la traditio della cosa, mentre la trascrizione nel pubblico registro automobilistico (P.R.a.) ha solo funzione dichiarativa e, in virtù del principio della continuità delle trascrizioni secondo la priorità temporale, è idonea a dirimere il conflitto eventuale insorto tra più acquirenti dallo stesso cedente rispetto al medesimo bene. Ne consegue che la mancata trascrizione del trasferimento della proprietà di un autoveicolo o motoveicolo presso il P.R.a., a parte la infrazione disciplinare prevista dal T.U. sulla circolazione stradale, non rende inoperante il concluso contratto ne’ influisce sull’acquisto del relativo diritto reale. Pertanto è legittima ed efficace la confisca di un motoveicolo acquistato dal condannato senza avere provveduto alla trascrizione del titolo presso il competente P.R.a. (Cass. sez. 4, n. 10593 del 30/09/1988, Rv. 179583). 1.3. Le esigenze cautelari, diversamente da quanto dedotto risultano correttamente individuate in quanto l’utilizzo di fatto dei mezzi indipendentemente dalla perdita di possesso denunciato è idonea ad aggravare le conseguenze del reato (pag. 4 ordinanza impugnata) 2. Alla dichiarata inammissibilità del ricorso consegue, per il disposto dell’art.616 cod. proc. pen., la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali nonché al versamento, in favore della Cassa delle ammende, di una somma che si determina equitativamente in C 1500,00. P.Q.M. Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di euro 1500.00 alla Cassa delle ammende.

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine