Infortuni Sul Lavoro – Cassazione Penale 01/04/2016 N° 13138

Infortuni sul lavoro – Cassazione penale 01/04/2016 n° 13138 leggi la sentenza gratuitamente su leggesemplice.com

Cassazione penale

Consulta tutte le sentenze della cassazione penale

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine

Tipo: Cassazione penale

Sezione: Sezione IV

Data: 01/04/2016

Numero: 13138

Testo completo della Sentenza Infortuni sul lavoro – Cassazione penale 01/04/2016 n° 13138:

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine 

SENTENZA sul ricorso proposto da: CAPELLO GIAN PIERO N. IL 25/07/1954 avverso la sentenza n. 1765/2010 CORTE APPELLO di TORINO, del 17/04/2015 visti gli atti, la sentenza e il ricorso udita in PUBBLICA UDIENZA del 09/03/2016 la relazione fatta dal Consigliere Dott. GIUSEPPE PAVICH Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. .4;-€220 4411-; che ha concluso per it 9efr& f(tt Udito, per parte civile, l’Avv Udi difensokAvv. p, OJJQZO <,e4 tft.C'Lv./. et.,;(4r0 4m,n14.7-41- 1,; 1 (m-e4)(5 RITENUTO IN FATTO 1. Con sentenza emessa il 17 aprile 2015, la Corte d'appello di Torino, 3 Sezione penale, sull'appello proposto dalla sola parte civile, riformava la sentenza con la quale il Tribunale di Alba, sezione distaccata di Bra, aveva assolto Gian Piero Capello dal reato a lui ascritto ex art. 590, commi 1, 2 e 3, cod.pen, commesso in danno del lavoratore Michelangelo Lo Buono in epoca imprecisata e prossima al 2001, e lo dichiarava responsabile ai soli effetti civili del reato suddetto limitatamente alla malattia epicondilite destra, condannandolo al risarcimento dei danni (da liquidarsi in separata sede) a favore del Lo Buono, costituitosi parte civile, rigettando nel resto il gravame. Oggetto del processo é la malattia professionale insorta a carico del Lo Buono, dipendente della Teksi Alluminium, della quale l'imputato era legale rappresentante. Questi, secondo l'imputazione, avrebbe consentito lavorazioni che comportavano l'uso di uno strumento vibrante, nonché l'utilizzo di un martello per la rimozione delle bave dei getti, senza l'adozione delle necessarie misure di prevenzione, ossia guanti anti vibrazione e martelli con impugnatura di gomma, nonché elettroutensili: ciò, secondo l'imputazione, sarebbe stato causa sia dell'epicondilite destra che della sindrome di Dupuytren, riscontrate al Lo Buono nella primavera del 2002 con sintomatologia risalente all'autunno 2001. La sentenza assolutoria di primo grado era fondata sul mancato riconoscimento di un sicuro nesso causale fra il comportamento colposo oggetto di addebito e l'evento lesivo, avuto riguardo al breve periodo di impiego del Lo Buono nelle suddette mansioni e la possibile interferenza di decorsi causali alternativi. La Corte di merito, viceversa, ritenuta l'irrilevanza di questi ultimi (se non a livello concausale) ed escluso altresì il rilievo della brevità dell'arco temporale nel quale il Lo Buono sarebbe stato impiegato nelle mansioni suddette, ravvisava che lo scostamento dal comportamento alternativo diligente, posto in essere dal Capello nell'anzidetta qualità, doveva ritenersi causalmente rilevante, sì che in una prospettiva controfattuale l'adozione delle misure di prevenzione dovute avrebbe ragionevolmente impedito l'insorgere dell'epicondilite destra, giudicata come concretizzazione del rischio introdotto dall'imputato con la sua condotta omissiva; quanto alla Sindrome di Dupuytren, già in sede peritale la patologia era stata considerata come solo possibile, e non probabile conseguenza della condotta censurata, il che conduceva anche la Corte d'appello a non riconoscere la prova del nesso causale fra la suddetta condotta e quest'ultima patologia. 2 2. Avverso la sentenza d'appello ricorre il Capello, per il tramite del suo difensore di fiducia; il ricorso é articolato in due motivi. 2.1. Con il primo motivo il ricorrente lamenta violazione di legge, in relazione agli artt. 40 e 43 cod.pen. in riferimento all'art. 35 D.Lgs. 626/1994, in riferimento alla ritenuta sussistenza dell'esposizione del Lo Buono a fattori di rischio per effetto della condotta omissiva contestata, e vizio di motivazione sul punto da parte della Corte di merito. Il ricorrente richiama i contributi peritali, in base ai quali l'esposizione del lavoratore al rischio di malattie professionali in dipendenza della predetta condotta omissiva era incerta o molto lieve; contesta inoltre che l'art. 35 D.Lgs. 626/1994 sia stato univocamente violato, avendo il Capello valutato correttamente il rischio, per ridurre il quale non erano necessari particolari interventi tecnici. 2.2. Con il secondo motivo il ricorrente denuncia violazione di legge, in relazione all'art. 40, comma 2, cod.pen., e vizio di motivazione in relazione alla ritenuta sussistenza del nesso eziologico fra la condotta contestata e l'insorgere dell'epicondilite destra. Censura in particolare il procedimento logico attraverso il quale la Corte territoriale é pervenuta a sovvertire il giudizio controfattuale eseguito dal Tribunale, operando in modo scorretto la valutazione di probabilità logica indicata dalla ben nota sentenza a Sezioni Unite Franzese (e sostituita, nella sentenza impugnata, da un sommario giudizio di probabilità statistica), nonché omettendo di valutare adeguatamente la ricerca del nesso causale in relazione a una patologia "multifattoriale" come quella riscontrata al Lo Buono e, in specie, la brevità del periodo di esposizione di quest'ultimo al rischio e la presenza di ulteriori fattori di rischio potenzialmente incidenti sull'insorgere della patologia; secondo quanto evidenziato dal consulente tecnico della difesa, il Lo Buono era un ex fumatore, affetto da distiroidismo e praticava il ciclismo, sport che comporta sollecitazioni fisiche particolari: tutti fattori che potevano assumere rilevanza sull'eziogenesi della malattia, a fronte di un basso rischio professionale cui il Lo Buono era esposto e della scarsa rilevanza di patologie simili tra i lavoratori esposti a rischi analoghi. CONSIDERATO IN DIRITTO 1. I due motivi di ricorso concernono due diversi aspetti dell'unica questione affrontata dalla sentenza impugnata, costituita dalla ritenuta sussistenza del rapporto di causalità fra le violazioni di natura omissiva contestate e l'epicondilite destra riscontrata sul Lo Buono, attenendo il primo alla premessa logica del ragionamento seguito dalla Corte di merito in ordine al nesso causale (premessa costituita dalla sussistenza della condotta colposa attribuita all'imputato), e il 3 secondo all'esame più diretto di detto rapporto di causalità, nel senso dell'incidenza di detta condotta omissiva (qualificata come introduzione del fattore di rischio) sulla ritenuta eziogenesi della patologia (intesa come concretizzazione del rischio stesso), nonché dell'irrilevanza di decorsi causali alternativi. 2. In tale chiave, i due motivi, sebbene separatamente articolati, possono essere unitariamente trattati. In proposito, il ricorso, pur contenendo una sollecitazione a rivalutare i dati probatori costituiti dagli apporti peritali e dei consulenti di parte, sia con riferimento alla presunta violazione delle misure preventive, sia con riferimento alla rilevanza di detta violazione (ove accertata) sul prodursi dell'evento lesivo, deve ritenersi fondato e meritevole di accoglimento in rapporto all'iter motivazionale recepito al riguardo nell'impugnata sentenza. Deve all'uopo premettersi che, nel giudizio di cassazione, sono precluse al giudice di legittimità la rilettura degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione impugnata e l'autonoma adozione di nuovi e diversi parametri di ricostruzione e valutazione dei fatti, indicati dal ricorrente come maggiormente plausibili o dotati di una migliore capacità esplicativa rispetto a quelli adottati dal giudice del merito (Sez. 6, Sentenza n. 47204 del 07/10/2015, Musso, Rv. 265482). Peraltro, con particolare riguardo alle censure nella specie formulate dal ricorrente va ricordato che, in virtù del principio del libero convincimento, il giudice di merito può scegliere tra le diverse tesi prospettate dai periti e dai consulenti delle parti, quella che ritiene condivisibile, purché dia conto, con motivazione accurata ed approfondita, delle ragioni della scelta nonché del contenuto della tesi disattesa e delle deduzioni contrarie e, ove tale valutazione sia effettuata in modo congruo, é inibito al giudice di legittimità procedere ad una differente valutazione, trattandosi di accertamento di fatto, come tale insindacabile in sede di legittimità (vds. in senso conforme Sez. 4, Sentenza n. 45126 del 06/11/2008, Ghisellini, Rv. 241907; in termini sostanzialmente conformi, più di recente, vds. Sez. 4, Sentenza n. 8527 del 13/02/2015, Sartori, Rv. 263435). Si tratta allora non già di rivalutare, puramente e semplicemente, le prove assunte, ma piuttosto di verificare se la Corte di merito abbia fornito congrua e adeguata motivazione del proprio convincimento, con il quale ha ribaltato la decisione del giudice di primo grado, nel senso dianzi enunciato. 3. Sul punto il ragionamento della Corte territoriale, pur muovendo correttamente dalle premesse metodologiche indicate dalla sentenza Franzese (Sez. U, Sentenza n. 30328 del 10/07/2002, Rv. 222138 e 222139), fa solo in parte buon governo dei principi in essa recepiti, rivelandosi affatto carente nell'individuare e qualificare gli elementi posti a base delle sue conclusioni. 3.1. Sotto il profilo della violazione ascritta al Capello e riferita all'omissione delle anzidette misure di prevenzione, é emerso che la condotta omissiva é sicuramente comprovata e oggetto di sufficiente esame da parte della Corte di merito, la quale dà altresì conto che essa é emersa anche in epoca successiva, ossia in occasione dell'indagine SPRESAL eseguita presso la Teksi Alluminium. 3.2. Quanto invece alla rilevanza causale della ridetta condotta omissiva, emerge che il Lo Buono fu impiegato nelle attività lavorative di cui in premessa dal 2001 (nella sentenza di primo grado si parla di giugno 2001) al maggio 2002, e che quindi l'arco temporale di esposizione di quest'ultimo al riferito fattore di rischio fu limitato a meno di un anno: circostanza, questa, evidenziata anche dal perito dr. Serafini, il quale, pur ritenendo ugualmente che tale condizione fosse compatibile con l'insorgenza della malattia, valutandone come "probabile" la rilevanza causale, ha tuttavia riconosciuto la presenza di potenziali interferenze eziologiche soggettive, come il distiroidismo. Interferenze eziologiche che peraltro, come si evince dalla sentenza impugnata e come evidenziato nel ricorso, sono state illustrate anche dai consulenti di parte, in rapporto non solo a patologie tiroidee da cui il Lo Buono é affetto, ma anche da abitudini (il passato di fumatore, il praticare il ciclismo) ritenute a loro volta potenzialmente incidenti. La patologia oggetto di scrutinio (epicondilite destra) viene indicata nella sentenza come malattia «con genesi multifunzionale e con frequente componente causale lavorativa»: il che pone il non trascurabile problema della multifattorialità della stessa, evidenziato dal ricorrente. E' inoltre emerso, e se ne offre contezza in diversi passaggi della sentenza impugnata, che il rischio di esposizione del Lo Buono ad alterazioni muscolo- scheletriche in dipendenza della sua attività lavorativa nel periodo considerato era modesto ("giallo", in base alla c.d. scala di valutazione OCRA). 3.3. Dopodiché, illustrati i principi ispiratori della sentenza Franzese (e di altra giurisprudenza successiva) in tema di causalità omissiva, a pagina 7 della sentenza si procede (in modo, pervero, alquanto sommario) alla disamina delle risultanze istruttorie alla luce di detti principi, e se ne trae la conclusione che la "probabile" efficienza causale dell'omissione di misure prevenzionistiche da parte del Capello va posta in relazione con la mancanza di decorsi causali alternativi «di una qualche pregnanza o rilevanza», atteso che le interferenze soggettive cui fa riferimento il perito e quelle cui si richiamano i consulenti dell'imputato avrebbero al più un'incidenza concausale. Di qui il convincimento, espresso dalla Corte di merito, della sussistenza del rapporto di causalità fra la condotta 5 contestata e l'evento patologico, con l'adozione delle conseguenti statuizioni civili. 3.4. A fronte di quanto precede, deve rammentarsi che, in tema di causalità, può pervenirsi al giudizio di responsabilità solo quando, all'esito del ragionamento probatorio, che abbia altresì escluso l'interferenza di fattori alternativi, risulti giustificata e "processualmente certa" la conclusione che la condotta omissiva dell'imputato é stata condizione necessaria dell'evento lesivo con "alto o elevato grado di credibilità razionale" o "probabilità logica" (ex plurimis, Sez. 4, Sentenza n. 4675 del 17/05/2006, dep. 2007, Bartalini e altri, Rv. 235658). Nel caso di specie, e con precipuo riferimento all'insorgere di una patologia attribuita eziologicamente alla prestazione lavorativa affidata al Lo Buono, sarebbe stato necessario procedere a una puntuale verifica - da effettuarsi in concreto ed in relazione alle peculiarità della vicenda - in ordine all'efficienza determinante dell'esposizione del lavoratore a specifici fattori di rischio nel contesto lavorativo nella produzione dell'evento (principio affermato da Sez. 4, Sentenza n. 37762 del 21/06/2013, Battistella e altri, Rv. 257113); e sarebbe stato in particolare necessario aver riguardo al carattere multifattoriale della patologia e, pertanto, alla sua riconducibilità ad una pluralità di possibili fattori causali; in tal caso il giudice non può ricercare il legame eziologico, necessario per la tipicità del fatto, sulla base di una nozione di concausalità meramente medica, dovendo le conoscenze scientifiche essere ricondotte nell'alveo di una causa condizionalistica necessaria (vds. Sez. 4, Sentenza n. 11197 del 21/12/2011, dep. 2012, Chino e altri, Rv. 252153). In tale chiave, dunque, i principi affermatisi in sede di legittimità circa la ricostruzione dell'incidenza causale di una condotta omissiva rimangono comunque ancorati a una premessa condizionalistica, alla quale deve necessariamente riportarsi il c.d. giudizio controfattuale; in base a tale premessa, é in sostanza necessario muovere da un procedimento di eliminazione mentale in esito al quale, in mancanza del comportamento negligente o imprudente o improntato a imperizia, ovvero posto in essere in violazione di regole cautelari codificate, in assenza di decorsi causali alternativi ed in presenza del c.d. comportamento alternativo lecito, l'evento non si sarebbe verificato (o si sarebbe verificato in termini minori o temporalmente successivi). 3.5. In questo caso la premessa da cui muove la pronunzia impugnata si appalesa viziata, nel senso che il giudizio controfattuale effettuato dalla Corte territoriale non si é affrancato da un dato di partenza probatoriarnente malfermo, costituito dalla mera "probabilità" (intesa in senso non logico, ma statistico) della rilevanza causale della condotta omissiva rispetto alla patologia riscontrata al Lo Buono, a fronte non solo di un rischio giudicato univocamente come basso 6 (anche per l'esposizione temporalmente limitata del lavoratore a detto rischio), ma altresì di possibili ed in parte accertate interferenze causali in rapporto a una patologia multifattoriale (che cioé può essere cagionata da una pluralità di cause diverse). Orbene, il vizio nel ragionamento della Corte territoriale consiste per l'appunto nel muovere da detta premessa, che evidenzia la mancanza di una univoca certezza circa il rilievo causale della condotta omissiva oggetto di addebito, e nel liquidare come meramente concausali gli ulteriori fattori di rischio evidenziati da periti e consulenti in relazione al Lo Buono (il distiroidismo, la pratica del ciclismo ecc.): lo schema logico adottato si presenta cioé lacunoso nell'assimilare ad univoca certezza la mera probabilità statistica del rilievo causale, rispetto all'evento patologico, attribuito al mancato rispetto delle norme prevenzionistiche da parte del Capello, laddove solo muovendo dall'individuazione di tale condotta omissiva come premessa condizionalmente indefettibile dell'insorgere della patologia -e non, si ribadisce, sulla base di una mera probabilità statistica di detta rilevanza eziologica- poteva annettersi un rilievo meramente "concausale" a fattori di rischio alternativi come quelli dianzi citati. Oltretutto, si legge nella sentenza di primo grado che il perito dott. Serafini, nel qualificare il rischio d'insorgenza delle patologie riscontrate sul Lo Buono come "non particolarmente elevato" ha indicato, a riprova di tale assunto, «la scarsa rilevanza di patologie da movimenti e sforzi nella pur numerosa coorte di lavoratori esposti» (vds. pag. 3 sentenza di primo grado, in fine). Tanto pone all'attenzione il tema, più volte trattato nella giurisprudenza di questa Sezione (vds. la già citata sentenza Battistella, come pure Sez. 4, Sentenza n. 33311 del 24/05/2012, Ramacciotti e altri, Rv. 255585), della necessità di approfondire l'aspetto dell'efficienza determinante dell'esposizione dei lavoratori, impiegati in mansioni analoghe a quelle assolte dalla persona offesa, a specifici fattori di rischio nel contesto lavorativo nella produzione dell'evento: aspetto che, pur emerso nella sua rilevanza nell'ambito del dibattimento avanti il Tribunale, non é stato debitamente valorizzato dalla Corte di merito onde stabilire in modo adeguato, ai ritenuti fattori di rischio, la rilevanza eziologica ad essi poi attribuita nell'impugnata sentenza. 3.6. Se, viceversa, come ha fatto la Corte territoriale, si muove dalla premessa della mera "probabilità" dell'incidenza causale della condotta omissiva (come ha fatto la Corte di merito), allora la ricostruzione del nesso eziologico, per potersi concludere in senso affermativo, deve passare necessariamente attraverso la sicura esclusione di fattori causali alternativi: solo a tale condizione può annettersi rilevanza decisiva (proprio in base alla sua "unicità" ed 7 esclusività) al comportamento oggetto di censura ed ipoteticamente rilevante, pur quando la sua incidenza causale sull'evento sia caratterizzata da probabilità non particolarmente elevata sul piano statistico: in tal modo si può attribuire, anche a un fattore causale statisticamente poco incidente su eventi del tipo di quello verificatosi, il rango dell'elevata probabilità "logica", nozione che nella specie é stata in qualche modo "forzata", escludendo apoditticamente (e, alla stregua degli atti, anche in immotivato contrasto con alcuni degli apporti peritali acquisiti in istruttoria) la possibile incidenza dei fattori causali alternativi sulla patologia riscontrata al Lo Buono. 3.7. Così stando le cose, non può non rilevarsi che nel caso di specie la Corte di merito ha fondato la propria valutazione e le proprie conclusioni su elementi probatori sostanzialmente cristallizzati e «anelastici», tali cioé da non poter consentire alla Corte territoriale di pervenire alle stesse conclusioni, in quanto geneticamente inidonei a determinare elementi di certezza in ordine all'attribuzione di responsabilità al ricorrente sulla base di una nuova e diversa disamina ispirata ai principi dianzi enunciati. Si intende con ciò affermare che, in base alle prove disponibili (a cominciare dai contributi peritali), un corretto percorso argomentativo fondato sul c.d. giudizio controfattuale, siccome necessariamente basato su una mera probabilità del rilievo causale delle condotte ascritte all'imputato in presenza di fattori causali alternativi, la cui rilevanza é stata liquidata dalla Corte di merito in modo apodittico a fronte dei contributi conoscitivi pervenuti al sapere processuale, non consentirebbe in ogni caso un diverso apprezzamento di dette prove, né di pervenire comunque ad affermare con univoca certezza la dipendenza eziologica della patologia riscontrata a carico della persona offesa dalle condotte omissive attribuite al Capello. 4. Perciò, la sentenza impugnata va annullata senza rinvio, perché il fatto non sussiste. Annulla la sentenza impugnata senza rinvio, perché il fatto non sussiste. Così deciso in Roma, il 9 marzo 2016.Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine