Giustizia Amministrativa – Consiglio Di Stato 28/03/2017 N° 1398

Giustizia amministrativa – Consiglio di Stato 28/03/2017 n° 1398 leggi la sentenza gratuitamente su leggesemplice.com

Consiglio di stato

Consulta tutte le sentenze della consiglio di stato

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine

Tipo: Consiglio di Stato

Sezione: Sezione IV

Data: 28/03/2017

Numero: 1398

Testo completo della Sentenza Giustizia amministrativa – Consiglio di Stato 28/03/2017 n° 1398:

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Quarta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 86 del 2014, proposto dal Codacons – Coordinamento di Associazioni per la Tutela dell’Ambiente e dei Diritti dei Consumatori e degli Utenti, in persona del legale rappresentante p.t., nonché dai signori Rosalba Ambrosino, Cristina Bigo, Maria Boccellato, Giovanni Cuccato, Emma De Gennaro, Carmela Della Noce, Rocco Werner Ferrari, Giuseppe Gioiello, Vienna Leonardo, Emanuela Magnelli, Cosimo Maiorano, Adelaide Mesiano, Gaetano Mezzina, Francesco Orlando, Ferdinando Paudice, Luigi Mario Pizza, Raffaele Riccardi, Salvatore Schirosi, Maria Sicchio, Cinzia Strano, Pino Vecellio, tutti rappresentati e difesi dagli avvocati Gino Giuliano, Carlo Rienzi, con domicilio eletto presso Ufficio Legale Nazionale Codacons, in Roma, viale Mazzini, 73; contro
Agenzia delle Entrate, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso per legge dall’Avvocatura generale dello Stato, domiciliato in Roma, via dei Portoghesi, 12;
nei confronti di
Andrea Basile, Sergio Semeraro, Pierpaolo Gatti, Francesco Fortunato, rappresentati e difesi dall’avvocato Fabio Cintioli, con domicilio eletto presso il suo studio in Roma, via Vittoria Colonna 32;Angelo Tartaglione, Salvatore Anelito, Matteo Cobalto, Stefano Pomes, Walter Gianardi, Margherita Calabrese, Camilla Lanza, Michela Basso, Maria Rosaria Quero, Giacomo Malandrino, Giovanni Polichetti, Valentina Cicolani, Francesca Gricia, Fabio Garagozzo, Andrea Alesse, Ugo Giampaolini, Roberta Taverna, Cristina Boschetti, Chiara Andreoli, Emilio Marino, Angelo Fausto Pierucci, Sara Polidori, Rosaria Benedetta Lo Bianco, Manuela Tassone, Emanuela Valecchi, Candidalessia Aviani, Matteo Baldassati, Gabriele Scardigli, Annalisa Bax, Federica Neri, Vincenzo Vittorino, Francesca Letizia, Fabio Frontoni, Francesco Romualdi, Alessia Rapattoni, Giancarlo Folchi, Anna De Iaco, Piergiorgio Scoletti, Paolo Cruciani, Maria Chiara Lauri, Alessia Donati, Donato De Bonis, Sara Nugnes, Sara Barbaner Orazioli, Enrico Sperati, Giancarlo Pallottini, Carlo Anzovino, Maria Rosaria Polcari, Alice Sordini, Raffaella Giallatini, Francesca Scarpari, Piera Panfili, Valeria Longo, Angela Libardi, Barbara Pasquarelli, Francesca Ioppolo, Fabio Cervoni, Graziella Montuori, Maddalena Aiezza, Francesco Giuseppe Urbanelli, Giorgio Agostini, Mario Dottori, Vincenzo La Monica, Marco Peruzzi, Carla Ricci, Valerio Varlese, Carolina Tipaldi, Vincenzo Fulgione, Linda Santangeli, Cristiana Romanelli, Oreste Rosati, Mauro Perinelli, Simona Grieco, Laura Costantino, Francesco Randone, Francesco Parisi, Salvatore Giorgio Luceri, Gabriele Marsella, Pasquale La Selva, Valeria Siracusano, Laura Pellegrini, Daniele Ruscica, Bartolomeo Paolillo, Daniela Raffaele, Sonia Cirillo, Mario Giallorenzo, Teresa Maria Alessandra Cordato, Fausto Gemma, Biagio Riso, Valentina Seghieri, Antonietta Demaio, Milena Lauritano, Maria Emanuela De Masi, Roberto Saracino, Claudia Di Fiore, Alessia Di Carlo, Gianluca Carrafa, Agostino Gambone, Felicia Conte, Paolo Gatto, Andrea Esposito, Mario Azzella, Elenia La Rocca, Gionata Sampaolo, Gabriella Ruggieri, Marco Valerio Moretti, Gualberto De Luca, Simonetta Colonnello, Daniela Crespi, Simona Di Biase, Carmela Pressano, Giuseppe Grimaldi, Maria Teresa Capobianco, Roberta Circelli, Claudio Russolillo, Simonetta De Chiara, Luigi Raso, Agostina Di Monaco, Luigi Sesto, Alfredo Palatiello, Pierpaolo Gatti, Laura Bocchio, Leonardo De Giorgio, Paola Amore, Antonello Zoccoler, Donatella Eva Laico, Silvia Mazzotta, Lidia Sangiovanni, Riccardo Addese, Diego Bassi, Roberto Meselli, Giuseppe Cascio Ingurgio, Carmela Bini, Eufemia Barresi, Emiliano Arditi, Elena Boscia, Sabrina Squitieri, Federica Belcaro, Enzo Di Ciano, Michela Russo, Giorgio Desto, Corrada Degli Angioli, Evelina Priveato, Ilenia Vita, Serena D’Arlenzio, Ileana Cadregari, Arianna Barbarisi, Annalisa D’Adamo, Andrea Valle, Milena Bessone, Daniela Li Bassi, Laura Totaro, Laura Miotto, Umberto Pelassa, Luca Bono, Stefania Corvaglia, Anna Fontana, Fernando De Dominicis, Alfredo Papulino, Lucia Basso, Francesca D’Alessandro, Antonietta Marciano, Michela Gaiaschi, Annalisa Criscuolo, Luigi Fricelli, Francesco Linzitto, Ornella Miccichè, Cristina Fiaschi, Tiziana Tonelli, Angela Cipressi, Barbara Attanasio, Maria Concetta Valensise, Laura Ricchetti, Roberta Schipani, Samantha Pittalis, Roberta Pighi, Chiara Corti, Giuseppe Palazzo, Sara Crispo, Immacolata Coroneo, Giuseppe Triolo, Vincenzo Lombardi, Antonio Schioppi, Antonio Di Tanna, Giuseppe Facciolla, Chiara Ventura, Nicoletta Corio, Annalisa Moschetti, Barbara Pezzoni, Maria Antonietta Manna, Francesco Martello, Maria Luisa Iorio, Grazia Furino, Ilenia Cervi, Domenico Marinò, Laura Bottazzi, Giada Savore, Concettina Tropeano, Michele Cuda, Dario Lasaponara, Sabrina Crupi, Carla Trigona, Gaspare Galizzi, Angelo Fausto Amodio, Marianna Vittozzi, Maria Adele Lombardo, Giancarlo Panza, Stefania Abrile, Pietro Iovino, Roberta Menna, Anna Troilo, Gianluca De Mitri, Antonio Gioffrè, Francesca Apa, Giuseppina Catena, Gianluca Testa, Pasquale Feola, Marco Manca, Leopoldo D’Alessandro, Concetta Maria Spampinato, Pasquale Marconesi, Luigi Stabile, Antonio Passamonte, Arcangelo Ilario, Andrea Ortolano, Giuliana Pepe, Michele Tondolo, Fausto Carelli, Paolo Galliani, Maurizio Desiderato, Claudia Siepi, Fiorenza Stangarone, Pasquale Maggipinto, Carmine Castaldo, Elena Trentin, Anna Napolitano, Alessandro Agli, Domenico Impellizzeri, Savio Capacchione, Andrea Costantino, Vito Siciliano, Giuseppina Amella, Maria Grazia Morrone, Antonietta Tamburrino, Maria Migliaccio, Romina Genco, Antonio Polimeno, Pasquale Maddaloni, Michela Montanari, Piergiacomo Andrenli, Giuseppa Maria Pirri, Leonardo Modica, Maria Cristina Sabella, Salvatore Domina, Andrea Oneglia, Gabriella Bertone, Chiara Bartolini, Pietro Giorgio Lo Iacono, Nicola Capobianco, Calogero Salvatore Falco, Stefania Alletto, Gaetano Fraioli, Carmelo Varsalona, Ettore Gentile, Enzo Modano, Alessandra Petrachi, Andrea Sabetta, Anna Paglialunga Borrello, Sebastiano Tomagra, Dario Sarno, Natanaele Langone, Rosa Lauri, Fabiano Maselli, Annalisa Loparco, Andrea Boffi, Domenico Giustra, Giovanni Angelo Teruzzi, Giovanna Giordano, Claudia Bardi, Tommaso Eradi, Ileana Del Signore, Maria Delli Fiori, Alessandro Curcio, Emilia D’Errico, Sonia Valente, Rocco Aquino, Costantino Tedone, Antonella Drago, Tiziana Cosenza, Ignazio Sausa, Pasquale Vaianella, Manuela Di Blasi, Giuseppa Armalco, Michele Adamo, Maria Rosaria Di Simone, Mattia Cristina Catanzato, Anna Valeria Gallo, Marco Sabella Accursio, Francesco Carmina, Maria Letizia Russo, Gianluca Bonafè, Antonino Arasi, Vincenzo Parisi, Loredana Lo Sardo, Ileana La Novara, Veronica Castiglia, Rosalia Vita, Anna Ardigò, Gaetana Imperia, Rosa Anna Intermaggio, Maria Sanfilippo, Alan Caponetto, Adriana Creanza, Roberto Cigna, Stefania Romano, Giovanni Cardella, Pierluigi Anselmo, Massimiliano Longo, Giusi Mutania, Vito Calvatuso, Dario Leone, Paola Grazia Valeriani, Donatella Quartuccio, Michele Andrea Pizzino, Francesca Garuccio, Giuseppe Fortuna, Marco Sampino, Michele Poma, Attilio Giuseppe Bonavires, Giovanni Criscenti, Valerio Mistretta, Maria Letizia Cutrona, Alessandra Scaturro, Agnese Bellini, Giuseppe D’Alessandria, Maria Silvana Mangano, Claudia Condipodaro Marcherta, Luca Rizzo, Angela Montapetto, Monica Introvigne, Antonella Barbara Fiorentino, Virginia Stenta, Monia Marinelli, Filomena Polimeni, Francesca Panzarella, Federica Palma, Laura Miriello, Simone Lo Scalzo, Milena Zilio, Silvia Toninello, Carmelo Virzi, Giorgia Levorato, Valentina Tortolone, Francesca Talò, Samuele Meneghello, Adriano Emidi, Stefano Rossi, Nicola Carlone, Rosalba Mazzitelli, Sonia Carmen Scarcia, Clara Graci, Donatella Fresu, Eduardo Milone, Angela Giuseppina Terrana, Alessandro Berton, Francesco Ferlito, Francesco Monfreda, Fabio Spirio, Andrea Furlan, Giovanna Capodicasa, Luana Giovanna De Pasquale, Francesco Pellegrino, Stella Colak, Fabio De Simone Sorrentino, Emanuele Cosentino, Alessandra Rizzo, Silvia Piccinini, Alberto Chicarella, Sara Cavazzini, Emanuela De Bortoli, Vincenzo Clemeno, Ferdinando Cioffi, Selene Santoro, Angela Cristini, Laura Landi, Francesca Parisio, Lorenza Martelli, Sabrina Scardovi, Melinda Confettura, Maria Gentile, Alessandro Maria Costantin, Antonella Vanti, Elia Marasco, Matteo Gasbarro, Danilo De Fazio, Alessandra Biasetti, Giuseppina Sperandeo, Domenico Molinaro, Veronica Conte, Maria De Giglio, Rosa Sirica, Rosanna Sirico, Raffaella Farina, Milena Di Lello, Alessandra De Luca, Maria Cristina Grella, Marcella Mecca, Salvatore De Lauri, Mariano De Micco, Giusy Terracciano Ficca, Gianluca Simaldone, Eva Finizio, Alberto Borzillo, Francesca Ruotolo, Angelomaria Varricchio, Francesco Improta, Antonella Cavallo, Antonio Affinita, Domenico Piccolo, Maurizio Lubrano, Rosa D’Amato, Salvatore Tolone, Adelaide Pignone, Pasquale Simonelli, Donato Di Grazia, Luigi Lamura, Maria Sessa, Renata Micillo, Matteo Iannone, Vincenza Esposito, Rosanna La Gala, Daniela Sarnataro, Giuseppina Piazza, Lina Bassi, Paola Battista, Viviana Vargiu, Concetta Limone, Antonietta Cerretto, Salvatore Balletta, Stefano Tarantino, Gilda Grotta, Annamaria Gallo, Fabio Presutto, Giuseppe Pesce, Francesco Di Capua, Francesco Santarpia, Fabio Salerno, Anna Sibilio, Rosanna Erario, Serena Ricchezza, Maria Maddalo, Pasquale Marchitiello, Marianna Senatore, Sara Nastri, Gianluca Scala, Assunta Russo, Stefano Orilia, Giovanni Minerva, Pietro Pagnano, Maria Pia Mariniello, Anna Napoletano, Mariangela Annunziata, Pasquale Guida, Carmine Vecchione, Francesca Del Prete, Maddalena Piedimonte, Nadia Esposito, Saverio Buono, Giuseppe Scarpato, Immacolata Russo, Tommaso Lanzara, Isabella Ambrosiano, Renato Noia, Immacolata Bove, Angela Grieco, Paola Crisci, Mario Buononato, Matteo Ferrara, Romilda Riccardi, Sabatino Truppi, Giuseppe Perrotta, Mariangela Bagdatopoulos, Lucia Ruotolo, Paola Caprio, Marta Carbone, Silvana Mele, Laura Savino, Luigi Gesualdo, Antonella Paolisso, Sonia Stabile, Elena Sciaudone, Pierluigi Sorrentino, Giampiero Lisanti, Fabio Dessy, Antonio Marchese, Federica Pascale, Daniele Angelucci, Maria Michela Papa, Agostino Ruggiero, Marta Casillo, Alessio Cantone, Giovanna Formisano, Giuseppina Porzio, Carmela Itri, Antonia D’Alterio, Filomena Elefante, Biancamaria Barbieri, Carmine Foglia, Carmine Maurizio Festa, Donato Cristian Pacelli, Luca Angelo D’Aloia, Michelina Spirito, Nicola Sorriento, Mery Sorrentino, Luisa Scarano, Paola Cuccurullo, Paola Porcelli, Andrea Ruffolo, Irene Palmieri, Davide Biasetti, Irene Martines, Franca Del Greco, Valerio Barbini, Stefania Campanella, Rossella Greco, Giulia Biagi, Sonia La Ciglia, Silvia Guerra, Elisabetta Kathrin Kuhnau, Serena Favilla, Giacomo Lenzi, Federica Marinai, Giacomo Alessandri, Chiara Arcangeli, Concetta Maria Marsala, Giuliana Capineri, Giovanni Quattrone, Oriana Miele, Daniela Ursino, Valentina Delle Donne, Sara Cattarin, Rita Genovesi, Emilio Barone, Vincenzina Abenante, Alessandra Calderaro, Giovanna Campana, Tiziana Castagna, Massimiliano Carmelo Casuscelli, Giancarlo Cesareo, Francesca Chiera, Alessia Cristofaro, Angela De Fazio, Domenico Fogliaro, Michele Fruci, Rossana Mancuso, Antonino Giuseppe Mastronardi, Eva Matera, Carmen Ritacca, Alessandra Rubino, Francesco Russo, Elena Scavello, Fabio Scigliano, Raffaella Scionti, Assunta Vizza, Francesca Romana Cuppone, Alessio Vedruccio, Elisabetta De Blasi, Marta Rosaria Santoro, Cosimo Patisso, Astrid Rescio, Meri Paialonga, Marielena D’Amato, Marta Tarantino, Roberta Serrone, Giovanna Imperiale, Raffaele Urso, Loredana Nocco, Addolorata Schirinzi, Marcella Cazzetta, Addolorata Daniela De Matteis, Gerardo Leaci, Gabriele Modoni, Lorenzo Cattolico, Michele Francesco Maria Bonaccorso, Giuseppe Briguglio, Daniela Caruso, Maria Di Blasi, Salvatore Di Martina, Flavio Di Piazza, Alessandro Di Pietro, Giovanni Guinicelli, Stefania La Bella, Salvatore Li Pira, Tiziana Lo Votrico, Luciano Longo, Giovanni Macrì, Maria Luisa Mantello, Laura Paternostro, Valentina Rosaria Pellegrino, Gabriele Pino, Fulvio Puglisi, Luca Angelo Salvaggio, Nunzio Schembari, Rita Vario, Carla Maria Leone, Anna Chiara Pantano, Marcella Natale, Valentina Ferronato, Giuseppa Ape, Aldo Fusaro, Daniela Ranieri, Agata Mazzafaro, Francesco Paolo Bacco, Daniele Mongiovì, Giovanni Dell’Acra, Michele Ermenegildo Potere, Leonardo Germinario, Marianna Mongelli, Vincenzo Laurora, Antonietta Corona, Marcellino Barletta, Marilina Guerra, Anna D’Alessandro, Stefano Capuzzimati, Francesca Marino, Elisabetta Romito, Carmela Perrone, Giorgia Laura Gallo, Giuliana Scagliusi, Matteo Li Bergolis, Silvia Elisabetta Laterza, Francesco Paolo Potente, Giuseppe Regina, Gianluca Mastrogiulio, Gianluigi Liberatore, Daniela Nicoletti, Angela Domenica Tiziana De Paolo, Carlo Panaro, Vincenzo Maisto, Mirko Capozza, Vito Castoro, Marco Nardacchione, Gianluca Faleo, Antonio Disanto, Marianna Sportelli, Emanuele Acito, Francesca Mancini, Sapia Rutigliano, Fabio Spera, Alessia Tarantini, Carmine Elefante, Luisa Vasciaveo, Loretta Ricciardi, Valentina Claudia Mangini, Luigi Ungaro, Antonello Albergo, Francesco Ortuso, Giovanna Biggio, Salvatore Cocco, Daniela Curreli, Andrea De Fanti, Monica Diana, Claudio Durgone, Virgilio Era, Silvia Emanuela Ibba, Andrea Mele, Giustina Muscas, Simone Pinna, Simone Piras, Gianluca Satta, Davide Sedda, Antonella Serra, Alberto Sotgiu, Laura Tremulo, Giuseppe Tumminia, Marco Zorcolo, Michele Zucca, Alida Gratton, Eliana Cammarata, Maria Grazia Palmieri, Emilio Giordano, Gabriele Danielut, Ingrid Tassotti, Fabiana Marchionne, Adriano Giammanco, Maria Cecilia Lestuzzi, Giuliano Gandin, Stefano Iancich, Grazia Maria Attina’, tutti non costituiti in giudizio;
per la riforma
della sentenza del T.a.r. il Lazio– Roma – Sezione II, n. 4548 dell’8 maggio 2013, resa tra le parti, concernente selezione pubblica per l’assunzione di 855 unità per la terza area funzionale fascia retributiva f1 – profilo professionale funzionario amministrativo-tributario – risarcimento danni
Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;
Visti gli atti di costituzione in giudizio dell’Agenzia delle Entrate, nonché dei signori Andrea Basile, Sergio Semeraro, Pierpaolo Gatti e Francesco Fortunato;
Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nell’udienza pubblica del giorno 20 dicembre 2016 il Cons. Oberdan Forlenza e uditi per le parti gli avvocati G. Giuliano, l’avv.to dello Stato Pio Marrone, e Lo Pinto su delega di F. Cintioli;
Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO
1.1. Con l’appello in esame, il Codacons e i signori Rosalba Ambrosino ed altri, come indicati in epigrafe, impugnano la sentenza 8 maggio 2013 n. 4548, con la quale il Tar per il Lazio, sez. II, ha respinto il ricorso proposto avverso una pluralità di atti, e precisamente:
– la prova oggettiva tecnico-professionale tenutasi in data 8 giugno 2012 della “selezione pubblica per l’assunzione a tempo indeterminato di 855 unità per la terza area funzionale, fascia retributiva F1, profilo professionale funzionario per attività amministrativo-tributaria”;
– il provvedimento di estremi ignoti con il quale l’Agenzia delle entrate ha annullato la prova oggettiva tecnico-funzionale svoltasi a Catania, predisponendone la ripetizione, senza al contempo annullare e predisporre la ripetizione delle prove svoltesi nelle varie sedi in Italia;
– le graduatorie pubblicate a base regionale in data 27 giugno 2012, con le quali vengono individuati i concorrenti che hanno accesso alla seconda prova selettiva.
1.2. La presente controversia riguarda gli atti del procedimento concorsuale per l’assunzione a tempo indeterminato di 855 funzionari presso l’Agenzia delle Entraste, procedura svoltasi su base regionale, previa attribuzione dei posti alle singole regioni.
Secondo il Codacons e gli ulteriori appellanti (che hanno partecipato al concorso in diverse sedi regionali, come indicate a pag. 5 della sentenza impugnata), gli atti della prima prova selettiva e le conseguenti graduatorie regionali provvisorie sarebbero illegittimi, in dipendenza di disordini ed illegittimità che si sarebbero verificati durante le prove, o che inficerebbero gli atti delle stesse, tra i quali:
– nei formulari distribuiti le domande variavano solo per la diversa disposizione e nelle varie sedi le prove sono iniziate in orari diversi, così frustrando l’esigenza di evitare fughe di notizie (e nelle sedi in cui la prova è iniziata dopo si è avuto modo di conoscere domande e risposte);
– vi sarebbe stato uso indiscriminato dei cellulari sino a 5 minuti prima della distribuzione dei questionari;
– i criteri di selezione non erano stati indicati dal bando, il quale prevedeva unicamente la soglia minima per il superamento della prima prova, pari a 24/30, e solo al momento delle prove è stato comunicato il punteggio che sarebbe stato attribuito alle risposte esatte, la “penalizzazione” che sarebbe stata attribuita alle risposte errate ed il punteggio zero per le risposte non rese;
– una delle soluzioni al quiz, data per corretta, sarebbe, in realtà, errata.
Vengono altresì esposti diversi episodi avvenuti presso talune sedi di concorso.
1.3. La sentenza impugnata ha innanzi tutto rilevato la carenza di legittimazione attiva del Codacons (v. pag. 17 sent.) e, quanto agli altri appellanti, il difetto di interesse ad agire nei confronti degli atti delle procedure concorsuali svoltesi in regioni diverse da quelle dove gli stessi hanno sostenuto le prove; per altro verso, l’inammissibilità del ricorso, pur così limitato, per quelle prove di concorso per le quali vi è stata omessa notificazione ad almeno uno dei partecipanti alle prove medesime, in qualità di controinteressato (v. pagg. 17 – 18).
Ciononostante, il giudice di I grado ha tuttavia inteso giudicare nel merito il ricorso “attesa la gravità delle illegittimità che i ricorrenti asseriscono essersi verificate nella maggior parte delle sedi di esame”.
A tal fine, la sentenza impugnata, esaminate dettagliatamente le singole censure (v. pagg. 18 – 34), afferma, in particolare:
– “l’orario di effettivo inizio delle prove, nell’ambito del giorno stabilito, non può . . . essere considerato perentorio”, né, nel caso di specie alcuna “prova è stata realmente fornita circa le interferenze che si sarebbero verificate fra le varie sedi o, comunque, circa possibili illeciti consistenti in comunicazioni dei candidati con l’esterno, volte a conoscere anticipatamente il contenuto delle prove”;
– quanto al lamentato uso dei cellulari, premesso che le regole della procedura concorsuale facevano “obbligo ai candidati di depositare sul banco, spenti, i telefoni cellulari, a pena di esclusione”, l’esame dei verbali evidenzia “soltanto la commissione di singoli, isolati illeciti che risultano, peraltro, essere stati immediatamente sanzionati con un provvedimento espulsivo” (né i ricorrenti hanno impugnato con querela di falso detti verbali, ovvero denunciato immediatamente alla commissione eventuali comportamenti illeciti);
– le censure rivolte avverso il bando di concorso, nella parte in cui non vietava totalmente l’ingresso dei cellulari in aula, sono inammissibili, in quanto non introdotte con rituali motivi aggiunti (tale capo non è stato impugnato); comunque, in assenza di un preciso divieto normativamente espresso, la verifica della adeguatezza della misura attiene al merito amministrativo;
– quanto alla mancata predeterminazione dei punti da attribuire alle risposte (esatte, errate o mancate), “sono le stesse commissioni esaminatrici, alla prima riunione, a dover stabilire i criteri e le modalità di valutazione delle prove concorsuali, da formalizzare nei relativi verbali, al fine di assegnare i punteggi attribuiti alle singole prove” (art. 12, co. 1, DPR n. 487/1994); né alcun pregiudizio deriva ai ricorrenti dall’apprendere, solo in sede concorsuale, i punteggi, in situazione di par condicio;
– non è stata fornita alcuna prova del fatto che la prospettata “amovibilità” delle etichette con codice a barre, da apporre sulla scheda anagrafica e sul modulo delle risposte, abbia determinato “sostituzione di etichette e scambio di questionari”.
1.4. Avverso tale decisione vengono proposti i seguenti motivi di appello:
a) error in iudicando, con riferimento alla affermazione di difetto di legittimazione del Codacons, posto che le illegittimità di una procedura concorsuale ricadrebbero “inevitabilmente sulla selezione delle migliori risorse umane e quindi sulla qualità del servizio offerto dalla pubblica amministrazione con danno finale agli interessi dei consumatori e degli utenti”;
b) error in iudicando., nella parte in cui la sentenza afferma il vizio parziale di notifica del ricorso solo ad alcuni controinteressati, posto che devono essere definiti controinteressati solo “quei soggetti che siano risultati vincitori all’interno di una graduatoria concorsuale finale e definitiva e non coloro che sono risultati vincitori nella graduatoria provvisoria”;
c) error in iudicando, nella parte in cui la sentenza afferma che l’inizio sfalsato delle prove nelle diverse sedi d’Italia non è vizio tale da inficiare la procedura concorsuale;
d) error in iudicando, quanto all’affermato difetto di prova in ordine all’utilizzo del telefono cellulare, posto che ciò che rileva non è l’uso in concreto, ma “la semplice violazione in astratto delle norme dettate dal legislatore per la tutela del corretto svolgimento delle prove concorsuali”;
e) error in iudicando, nella parte in cui la sentenza afferma non essere stato violato il principio dell’anonimato delle prove, previsto dall’art. 7 DPR n. 686/1957, con riferimento al sistema delle etichette amovibili da apporre sulla scheda anagrafica e sul modulo del questionario, posto che, anche in questo caso, ciò che rileva non è l’essersi o meno verificato l’evento, bensì la “astratta riconoscibilità dei candidati di un concorso”, derivante dall’inidoneità dello strumento adottato.
1.5. Si è costituita in giudizio l’Agenzia delle Entrate, la quale ha, innanzi tutto, chiesto la conferma della sentenza impugnata “nella parte in cui ha dichiarato il difetto di legittimazione ad agire del Codacons” e nella parte in cui ha dichiarato la inammissibilità parziale del medesimo per omessa notifica ai controinteressati.
Inoltre, l’Agenzia delle Entrate ha riproposto l’eccezione di inammissibilità del ricorso instaurativo del giudizio:
– “siccome proposto in I grado dal Codacons e dai dottori Altieri ed altri a tutela di interessi tra loro incompatibili”;
– per l’inesistenza giuridica dell’integrazione del contraddittorio per pubblici proclami, stante la omessa indicazione nominativa dei controinteressati.
Infine, l’Agenzia delle Entrate ha comunque concluso per il rigetto dell’appello, stante la sua infondatezza.
1.6. Si sono altresì costituiti in giudizio i signori Andrea Basile, Sergio Semeraro, Pierpaolo Gatti, Francesco Fortunato, i quali:
– hanno preliminarmente sottolineato la correttezza della sentenza appellata nella parte in cui accerta il difetto di legittimazione attiva del Codacons;
– hanno riproposto l’eccezione di inammissibilità del ricorso instaurativo del giudizio di I grado, in quanto proposto nella forma del ricorso collettivo, nonché l’irricevibilità parziale del medesimo, nella parte in cui censura la mancata previsione, nel bando di concorso, di clausole recanti la immediata determinazione del punteggio da attribuire alle singole prove;
– hanno comunque concluso richiedendo il rigetto del ricorso, stante la sua infondatezza.
1.7. Con ordinanza 29 gennaio 2014 n. 395, questo Consiglio di Stato ha respinto la domanda di sospensione dell’esecutività della sentenza impugnata.
1.8. Infine, sia l’Agenzia delle Entrate, sia i concorrenti innanzi indicati hanno eccepito la improcedibilità dell’appello per sopravvenuto difetto di interesse, posto che, nelle more del giudizio, è intervenuta l’approvazione definitiva della graduatoria concorsuale, non impugnata dagli appellanti, e la conseguente assunzione dei vincitori (parimenti non impugnata).
1.9. All’udienza pubblica di trattazione del 20 dicembre 2016, la causa è stata riservata in decisione.

DIRITTO
2. L’appello deve essere dichiarato improcedibile per sopravvenuto difetto di interesse.
Ciò rende superfluo l’esame, da parte del Collegio – prima ancora delle eccezioni in rito riproposte e dei motivi di appello volti a censurare nel merito le statuizioni di infondatezza della sentenza impugnata – della ammissibilità del ricorso instaurativo del giudizio di I grado, per difetto di legittimazione attiva in capo al Codacons, e per difetto di interesse in capo alla signora Ambrosino (ed altri), con riferimento alle procedure concorsuali diverse da quella di propria concreta partecipazione.
3.1. Come è noto, “l’azione di annullamento davanti al giudice amministrativo è soggetta, sulla falsariga del processo civile, a tre condizioni fondamentali (titolo, interesse ad agire, legittimazione attiva/passiva) che, valutate in astratto con riferimento alla causa petendi della domanda e non secundum eventum litis, devono sussistere al momento della proposizione della domanda e permanere fino al momento della decisione finale, e allo stesso principio soggiacciono i mezzi d’impugnazione” (Cons. Stato, Ad. Plen., 25 febbraio 2014 n. 9).
La verifica del persistere di tali condizioni va svolta dal giudice anche ex officio, con il solo onere di previa indicazione, ex art. 73 Cpa, a tutela del diritto di difesa delle parti.
3.2. Tanto premesso, il Collegio ritiene di non doversi discostare dalla giurisprudenza consolidata del giudice amministrativo, la quale ritiene che la mancata impugnazione dell’atto di approvazione della graduatoria finale di un concorso pubblico determina l’improcedibilità per sopravvenuto difetto di interesse del ricorso proposto avverso atti intermedi della medesima procedura (cfr.,ex plurimis, Cons. Stato, Sez. V, n. 5463 del 2014; 1937 del 2014).
Le affermazioni della giurisprudenza si iscrivono, sul piano sostanziale, nell’ambito della più generale distinzione tra atto meramente confermativo e conferma e sulle conseguenze che tale distinzione comporta, sul piano processuale, in termini di necessità (o meno) di impugnazione dell’atto successivamente emanato.
Come questa Sezione ha avuto di recente modo di osservare (sez. IV, 15 giugno 2016 n. 2637; in senso conforme Sez. VI, 27 luglio 2015 n. 3667), “il criterio distintivo tra atto meramente confermativo e conferma in senso proprio riposa nella sussistenza – o meno- di una nuova ponderazione ed una nuova istruttoria”, di modo che “allo scopo di stabilire se un atto amministrativo sia meramente confermativo (e perciò non impugnabile) ovvero di conferma in senso proprio (e, quindi, autonomamente lesivo e da impugnarsi nei termini), occorre verificare se l’atto successivo sia stato adottato o meno senza una nuova istruttoria e una nuova ponderazione degli interessi. In particolare, non può considerarsi meramente confermativo rispetto ad un atto precedente l’atto la cui adozione sia stata preceduta da un riesame della situazione che aveva condotto al precedente provvedimento, giacché solo l’esperimento di un ulteriore adempimento istruttorio, sia pure mediante la rivalutazione degli interessi in gioco e un nuovo esame degli elementi di fatto e di diritto che caratterizzano la fattispecie considerata, può dare luogo a un atto propriamente confermativo in grado, come tale, di dare vita ad un provvedimento diverso dal precedente e quindi suscettibile di autonoma impugnazione. Ricorre invece l’atto meramente confermativo quando l’amministrazione, a fronte di un’istanza di riesame si limita a dichiarare l’esistenza di un suo precedente provvedimento senza compiere alcuna nuova istruttoria e senza una nuova motivazione.”.
3.3. Tanto affermato sul piano generale, secondo un consolidato indirizzo giurisprudenziale formatosi in materia di concorsi e di gare pubbliche, quando l’atto finale, pur partecipando della medesima sequenza procedimentale in cui si colloca l’atto preparatorio, non ne costituisce conseguenza inevitabile perché la sua adozione implica nuove ed ulteriori valutazioni di interessi, l’immediata impugnazione dell’atto preparatorio non fa venir meno la necessità di impugnare anche l’atto finale, pena l’improcedibilità del ricorso (v. Cons. Stato, sez. III, 1 febbraio 2012 n. 2637; sez. V, 9 febbraio 2010 n. 627).
In tal senso, è stato affermato che “la non necessità d’impugnazione dell’atto finale, quando sia stato già contestato quello preparatorio, sussiste solo quando tra i due atti vi sia un rapporto di presupposizione/conseguenzialità immediata, diretta e necessaria, nel senso che l’atto successivo si pone quale inevitabile conseguenza di quello precedente, perché non vi sono nuove ed autonome valutazioni di interessi da parte dei soggetti a ciò preposti; diversamente, quando l’atto finale, pur partecipando alla medesima sequenza procedimentale in cui si colloca l’atto preparatorio, non ne costituisce conseguenza inevitabile, perché la sua adozione implica nuove ed ulteriori valutazioni di interessi, l’immediata impugnazione dell’atto preparatorio non fa venir meno la necessità d’impugnare l’atto finale” (Cons. Stato, sez. III, 15 settembre 2014 n. 4698; in termini, anche sez. V, 20 dicembre 2013, n. 6131; IV, 26 novembre 2013, n. 5621).
La mancata impugnazione della graduatoria finale di un concorso, dunque, si risolve in un profilo di improcedibilità del ricorso rivolto avverso il provvedimento di esclusione dallo stesso ovvero della non ammissione alle prove successive, in quanto, pur appartenendo alla stessa sequenza procedimentale in cui si colloca l’atto che determina la lesione del ricorrente (nella prospettazione che questi rende del proprio interesse ad agire), non ne costituisce conseguenza inevitabile, atteso che la sua adozione implica nuove ed ulteriori valutazioni di interessi, anche di una pluralità di soggetti terzi rispetto al rapporto in origine controverso.
L’omessa impugnazione della graduatoria finale del concorso, pertanto, comporta la sopravvenuta carenza di interesse alla decisione, non potendo l’eventuale annullamento del provvedimento di esclusione o di non ammissione alle prove successive di un candidato incidere su un atto, quale la graduatoria definitiva di merito, ormai divenuto inoppugnabile, con la conseguenza che l’eventuale annullamento del provvedimento medio tempore impugnato, non potrebbe produrre alcun effetto utile per l’interessato.
Tali considerazioni risultano ancor più da confermarsi allorché (come nel caso di specie) per il tramite della impugnazione di atti intermedi della procedura concorsuale, si intende determinare l’annullamento integrale di quest’ultima, riponendo il proprio interesse ad agire non già nel più limitato vantaggio della ammissione alle ulteriori prove concorsuali, bensì, più in generale, nella ripetizione dell’intera fase delle prove concorsuali.
Né si oppone a tale declaratoria di improcedibilità la previsione di cui all’art. 34, co.3 c.p.a.: nel caso di specie, infatti,non è stata formulata alcuna domanda in tal senso da parte dei ricorrenti sicché al Collegio non è dato pronunciare sul punto (cfr. Cons. Stato, Sez. IV, n. 2637 del 2016; Sez. V, n. 2063 del 2014).
3.4. Per tutte le ragioni sin qui esposte, l’appello deve essere dichiarato improcedibile per sopravvenuto difetto di interesse.
4. Sussistono giusti motivi per compensare tra le parti le spese ed onorari del presente grado di giudizio, restando definitivamente a carico degli appellanti il contributo unificato da essi anticipato per il giudizio di appello.

P.Q.M.
Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta), definitivamente pronunciando sull’appello proposto da Codacons ed altri, come in epigrafe indicati(n. 86/2014 r.g.):
a) dichiara improcedibile l’appello;
b) compensa tra le parti spese ed onorari del presente grado di giudizio;
d) dispone che il contributo unificato anticipato resti definitivamente a carico degli appellanti.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.
Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 20 dicembre 2016 con l’intervento dei magistrati:
Vito Poli, Presidente
Fabio Taormina, Consigliere
Silvestro Maria Russo, Consigliere
Oberdan Forlenza, Consigliere, Estensore
Giuseppe Castiglia, Consigliere

L’ESTENSORE IL PRESIDENTE
Oberdan Forlenza Vito Poli

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine 

Consulta tutte le sentenze della consiglio di stato