Confisca Per Equivalente – Cassazione Penale 09/02/2017 N° 6059

Confisca per equivalente – Cassazione penale 09/02/2017 n° 6059 leggi la sentenza gratuitamente su leggesemplice.com

Cassazione penale

Consulta tutte le sentenze della cassazione penale

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine

Tipo: Cassazione penale

Sezione: Sezione III

Data: 09/02/2017

Numero: 6059

Testo completo della Sentenza Confisca per equivalente – Cassazione penale 09/02/2017 n° 6059:

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine 

Penale Ord. Sez. 3 Num. 6059 Anno 2017
Presidente: FIALE ALDO
Relatore: RAMACCI LUCA
Data Udienza: 13/01/2017

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
CAUSHI DRITAN nato il 25/09/1978
avverso la sentenza del 20/06/2014 del GIP TRIBUNALE di VERONA
sentita la relazione svolta dal Consigliere LUCA RAMACCI;

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO
1. Con ordinanza n. 46546, emessa nella camera di consiglio del 9/1/2015 e depositata
il 24/11/2015, la Settima Sezione penale della Corte di cassazione ha dichiarato
l’inammissibilità dei ricorsi di ALLA Shpetim, CAUSHI Dritan, CENUKA Mien, HIDA Jani e
LOSHI Arjan avverso la sentenza emessa nei loro confronti dal Giudice dell’udienza
preliminare del Tribunale di Verona il 20/6/2014, condannandoli al pagamento delle spese
processuali e della somma di euro 1.500,00 ciascuno in favore della cassa delle ammende.
Con istanza pervenuta in cancelleria in data 4/8/2016, la Procura della Repubblica di
Verona — Ufficio esecuzioni penali, faceva rilevare che, nell’intestazione della suddetta
ordinanza, erano indicati solo quattro ricorrenti anziché cinque, mancando il nominativo di
CAUSHI Dritan, rispetto al quale questa Corte si era pronunciata, essendo tale imputato
chiaramente indicato, tra gli altri, nella motivazione del provvedimento.
Si chiedeva, pertanto, la correzione del rilevato errore materiale.
2. La richiesta è fondata ed all’omissione deve pertanto rimediarsi tramite il
procedimento di correzione di cui all’art. 130 cod. proc. pen., disponendosi
conseguentemente che, nell’intestazione ordinanza n. 46546, emessa nella camera di
consiglio del 9/1/2015 e depositata il 24/11/2015, la Settima Sezione penale della Corte di
cassazione, nonché nel ruolo dell’udienza, venga inserito tra i ricorrenti anche CAUSHI Ditran
nato il 25/9/1978 in Albania.

P.Q.M.
Dispone la correzione dell’errore materiale contenuto nell’ordinanza n. 46546 della
Settima Sezione Penale nella camera di consiglio del 9/1/2015 e depositata il 24/11/2015
nonché nel ruolo dell’udienza, nel senso che deve essere inserito tra i ricorrenti anche
CAUSHI Dritan, nato in Albania il 25/9/1978.
Manda alla Cancelleria per le annotazioni
Così deciso in data 13.1.2017

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine