Assistenza Familiare – Cassazione Penale 04/04/2016 N° 13413

Assistenza familiare – Cassazione penale 04/04/2016 n° 13413 leggi la sentenza gratuitamente su leggesemplice.com

Cassazione penale

Consulta tutte le sentenze della cassazione penale

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine

Tipo: Cassazione penale

Sezione: Sezione VI

Data: 04/04/2016

Numero: 13413

Testo completo della Sentenza Assistenza familiare – Cassazione penale 04/04/2016 n° 13413:

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine 

Ritenuto in fatto
1. Con sentenza del Tribunale di Catania, sezione distaccata di Acireale, del 10
luglio 2012, D.M.S. era stato condannato, concessegli le circostanze attenuanti
generiche, alla pena di mesi uno di reclusione ed Euro cento di multa ed al
risarcimento del danno, da liquidarsi in separata sede, in favore della parte
civile F.V. , alla quale venivano, altresì, liquidate le spese di giudizio ed una
provvisionale dell’importo di Euro duemila. A carico del D.M. si procedeva per il
reato di cui all’art. 570 cod. pen., con condotta permanente dal febbraio 2004
per avere fatto mancare i mezzi di sussistenza alla figlia minore.
2. Con la sentenza indicata in epigrafe la Corte di appello ha assolto il D.M. dal
reato ascrittogli perché il fatto non sussiste.
3. La Corte di merito è pervenuta alla conclusione che non poteva ritenersi
provato che il D.M. , dopo la cessazione del rapporto di convivenza con la F. ,
non avesse corrisposto un serio e stabile contributo idoneo al mantenimento
della figlia minore, adeguato a soddisfarne i bisogni primari.
Premesso, infatti, che la bambina abitava con la madre nell’immobile di
proprietà coniugale; che la madre, dipendente pubblica, percepiva uno
stipendio di ca. 1.200,00 Euro mensili; che il D.M. , aveva versato alla figlia
somme “certamente di entità non significativa” e che aveva contribuito al
pagamento di spese sanitarie (come quelle dentistiche) e le spese per la
frequenza di attività sportive, la Corte ha ritenuto che non era dimostrato lo
stato di bisogno della minore, tenuto conto che dalla relazione dei servizi
sociali, risultava che il tenore di vita della bambina era rimasto invariato anche
dopo la cessazione della convivenza tra i genitori e non potendo sovrapporre la
prova del reato contestato all’inadempimento dell’obbligo di pagamento
dell’assegno di mantenimento del figlio, che ha una portata più ampia,
richiedendosi, per la sussistenza del reato, che dall’inadempimento derivi per la
persona offesa la mancanza di adeguati mezzi di sussistenza.
4. Propone ricorso avvero la sentenza di assoluzione, con motivi qui sintetizzati
ai sensi dell’art. 173 disp. att. cod. proc. pen. nei limiti strettamente
indispensabili per la motivazione, la parte civile che denuncia il vizio di
manifesta illogicità e contraddittorietà della motivazione risultante dal testo
della sentenza impugnata e dal confronto con altri atti del processo e con la
sentenza di primo grado. La difesa deduce la erroneità delle conclusioni alle
quali è pervenuta la Corte di merito per la ritenuta insussistenza dello stato di
bisogno della minore sul presupposto che al suo mantenimento sopperisse la
madre e che le somme corrisposte dal D.M. – apprezzate dalla stessa Corte di
entità non significativa e di importo inadeguato – fossero sufficienti a far fronte
ai bisogni della minore. Evidenzia, in proposito, le diverse conclusioni alle quali
era pervenuto il giudice di primo grado che aveva ricostruito gli importi delle
somme di denaro versati dall’imputato negli anni in contestazione, ascendenti
a poche centinaia di Euro, e che la F. aveva, invece, dovuto contrarre dei
prestiti proprio per far fronte alle necessità della figlia.
Considerato in diritto
1. Il ricorso è fondato.
2. La Corte territoriale, dopo avere richiamato la giurisprudenza di legittimità
sugli elementi costitutivi del reato ascritto al ricorrente, è pervenuta alla
conclusione che non era dimostrato lo stato di bisogno della minore e che non
poteva ritenersi provato che il D.M. non avesse corrisposto un serio e stabile
contributo idoneo al mantenimento della figlia minore, adeguato a soddisfarne i
bisogni primari.
3. Le conclusioni raggiunte sono erronee perché palesemente in contrasto con
il fondamento della norma incriminatrice, individuato nella protezione delle
esigenze economiche dei familiari nell’ambito delle relazioni fra genitori e figli,
e con la nozione di stato di bisogno che, con riguardo ai figli minori, costituisce
dato incontrovertibile e sussistente in re ipsa trattandosi di soggetti che,
proprio perché tali, non sono in condizione di procacciarsi un reddito proprio.
Né l’autore della condotta può addurre a propria discolpa la circostanza che ad
assicurare i mezzi di sussistenza del minore abbia provveduto l’altro genitore,
o altro soggetto estraneo, trattandosi di obbligo primario che inerisce alla
qualità di genitore e che permane a suo carico, al di là delle vicissitudini dei
rapporti instauratisi tra i genitori (Sez. 6, n. 53607 del 20/11/2014, P., Rv
261871).
4. Né è condivisibile la conclusione della Corte secondo la quale il D.M. avrebbe
assolto l’obbligo di fornire alla figlia minore i mezzi di sussistenza
corrispondendo alla madre, presso la quale la bambina viveva, somme di
denaro, definite di entità non significativa e pagando alcune spese sanitarie o
per la pratica di uno sport.
5. Se, infatti, è corretto l’assunto che i mezzi di sussistenza non corrispondono
alle nozioni di alimenti e di assegno di mantenimento poiché identificano solo
ciò che è strettamente indispensabile, a prescindere dalle condizioni sociali o di
vita pregressa dell’avente diritto, a soddisfare bisogni primari come il vitto,
l’abitazione, medicinali, spese per l’istruzione e il vestiario, si rivela
intrinsecamente contraddittoria la conclusione della Corte territoriale a tenore
della quale l’obbligo gravante sul D.M. possa ritenersi assolto mediante il
versamento al genitore affidatario della minore di poche centinaia di Euro
(ascendenti a ca. 1.200,00 Euro in tre anni) e il pagamento di alcune spese
sanitarie e per la pratica sportiva, di valore indeterminato, anche tenuto conto
della necessità della madre della minore di fare ricorso a prestiti per far fronte
alle quotidiane necessità familiari.
6. La soluzione della Corte territoriale infatti non si confronta, con il principio di
diritto secondo cui “il corretto adempimento dell’obbligazione che consiste nella
dazione (messa a disposizione del minore) dei mezzi di sussistenza, nella
qualità e nel valore fissato dal giudice, comporta, di necessità ed agli effetti
dell’applicazione dei disposti normativi dell’art. 570, secondo comma n. 2, cod.
pen., l’apprestamento solo ed esclusivamente di quel bene o di quel valore che
il giudice della separazione o del divorzio ha ritenuto di determinare, nel
dialettico confronto delle parti e nel superiore interesse del soggetto debole,
oggetto di tutela privilegiata. Né è in facoltà dell’obbligato sostituire (…) la
somma di denaro, mensilmente dovuta a tale titolo, con “cose” o “beni” che, a
suo avviso, meglio corrispondono alle esigenze del minore beneficiario:
l’utilizzo in concreto della somma versata compete infatti al coniuge affidatario
il quale, proprio per tale sua qualità, gode in proposito di una limitata
discrezionalità il cui mancato rispetto, in danno del minore figlio, può trovare
sanzione – ricorrendone le condizioni – nella stessa norma, in relazione all’art.
570, secondo comma n. 2 cod. pen.” (in tal senso Sez. 6, n. 8998, 11.2.2010,
B.C.M., e Sez. 6^, n. 23017, 29514, P.).
Rileva il Collegio che il mancato versamento, protrattosi per anni, dell’assegno
stabilito in favore della minore contraddice alla nozione stessa di adempimento
dell’obbligo di assicurare i mezzi di sussistenza che non può che concretizzarsi
con la messa a disposizione, continuativa, regolare e certa, che non lasci pause
o inadeguatezze, dei mezzi economici in favore del genitore affidatario,
responsabile immediato di una gestione ordinata delle quotidiane esigenze di
sussistenza del minore o, quantomeno, in accordo, nei suoi contenuti, con il
genitore affidatario. Non consta che, nel caso in esame, il pagamento di spese
voluttuarie, come quelle della piscina, o anche di spese sanitarie (le une e le
altre di valore indeterminato) siano state concordate con il genitore affidatario
del minore sicché tali contribuzioni, allegate dall’imputato come alternative alla
regolare contribuzione, sono assolutamente irrilevanti perché inidonee
all’adempimento dell’obbligo di assolvere, prioritariamente, a sollevare il
minore dalle naturali e permanenti esigenze di sostentamento.
7. Consegue l’annullamento della sentenza con rinvio al giudice civile.
P.Q.M.
Annulla la sentenza impugnata e rinvia per nuovo giudizio al giudice civile
competente per valore in grado di appello.

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine