[Argomento] – Cassazione Penale 25/01/2017 N° 3794

– Cassazione penale 25/01/2017 n° 3794 leggi la sentenza gratuitamente su leggesemplice.com

Cassazione penale

Consulta tutte le sentenze della cassazione penale

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine

Tipo: Cassazione penale

Sezione: Sezione VI

Data: 25/01/2017

Numero: 3794

Testo completo della Sentenza – Cassazione penale 25/01/2017 n° 3794:

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine 

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA PENALE

Sentenza 25 gennaio 2017, n. 3794

Presidente Ippolito
Relatore Ricciarelli
Ritenuto in fatto e considerato in diritto
1. Con sentenza del 12/1/2015 la Corte di appello di Trieste ha confermato quella in data 8/5/2013, con cui il Tribunale di Gorizia ha dichiarato D.V. colpevole del delitto di cui all’art. 388, comma terzo, quarto e quinto, c.p. e lo ha condannato alla pena di mesi sei di reclusione, oltre che a risarcire il danno cagionato alla parte civile.
2. Ha proposto ricorso il D. .
Con l’unico motivo deduce violazione di legge ai sensi dell’art. 606, comma 1, lett. b), c.p.p., in relazione all’art. 337, comma 3, c.p.p..
Erroneamente la Corte aveva respinto l’eccezione formulata in ordine all’invalidità della querela presentata da procuratore speciale della società Imac s.p.a. in quanto sarebbe stato necessario che il soggetto che aveva conferito la procura indicasse la fonte dei poteri che lo autorizzavano a nominare altro procuratore speciale cui rimettere il potere inerente al proprio ruolo organico.
3. Il ricorso è manifestamente infondato.
Il ricorrente non contesta il pacifico principio secondo cui “l’esercizio del diritto di querela, in mancanza di uno specifico divieto statutario o assembleare, rientra fra i compiti del rappresentante legale di una società di capitali e, pur trattandosi di un atto di straordinaria amministrazione, non richiede il conferimento di un apposito mandato” (Cass. Sez. 6, n. 16150 del 26/4/2012, Filippone, rv. 252715; cfr. anche Cass. 5, n. 11074 del 4/12/2009, Bervicato, rv. 246885, secondo cui “in tema di querela, l’amministratore di una società di capitali, avendo la fonte dei suoi poteri nell’art. 2384 cod. civ., è legittimato a proporre querela in nome e per conto della società, senza essere gravato dall’onere di documentare la titolarità del potere di rappresentanza”), ciò cui si correla l’ulteriore affermazione che “l’omessa indicazione, nella querela proposta dal legale rappresentante della persona giuridica, della fonte dei poteri di rappresentanza non ne determina la nullità, ma, nel caso in cui l’effettiva titolarità di tale potere da parte del querelante venga formalmente contestata, impone al giudice di procedere alla verifica in concreto della sua sussistenza” (Cass. Sez. 6, n. 8699 del 16/2/2010, Anselmi, rv. 246177).
Il ricorrente in realtà non contesta la sussistenza in capo al legale rappresentante del potere di sporgere querela, ma deduce l’invalidità della querela in quanto non sarebbe stato giustificato il potere di conferire al riguardo procura speciale, cosicché nel caso di specie il proponente sarebbe un soggetto terzo, privo di potere.
Ma è di tutta evidenza come un tale assunto sia smentito dalla stessa premessa, riguardante la non contestata sussistenza in capo al legale rappresentante del potere di sporgere querela: tale potere, implicante immedesimazione organica, di per sé include quello, che non può essere genericamente contestato in via astratta, di conferire con procura speciale a terzi la facoltà di sporgere querela in rappresentanza dell’ente.
In altre parole se il legale rappresentante, come tale qualificatosi, non ha bisogno di dar conto del proprio potere, risulta manifestamente infondata la pretesa che lo stesso soggetto dia conto invece del potere di rilasciare procura speciale per l’esercizio di quella facoltà, tanto più quando la procura sia rilasciata in relazione ad un caso determinato.
4. All’inammissibilità segue la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali e, in relazione ai profili di colpa sottesi alla causa di inammissibilità, a quello della somma di Euro 1.500,00 in favore della cassa delle ammende.

P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro 1.500,00 in favore della cassa delle ammende.

Le sentenze più lunghe per comodità vengono divise in più pagine